Gossip News » Curiosità » Festival di Sanremo 2011: Luca e Paolo deridono Saviano e Santoro, il VIDEO

Festival di Sanremo 2011: Luca e Paolo deridono Saviano e Santoro, il VIDEO

FESTIVAL DI SANREMO 2011 – Nuove punzecchiature in odor di satira dal palco dell’Ariston. Protagonisti sono sempre loro: Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu che, dopo essersi esibiti la prima serata del Festival sulle note di Ti sputtanerò, per il secondo appuntamento con la kermesse sanremese hanno deciso di regalarci un pezzo comico inedito.

Forse per onore di par condicio, questa volta gli strali dei loro motti di spirito si sono rivolti a personaggi come Roberto Saviano, Michele Santoro, Luca Cordero di Montezemolo. Non è mancato però un occhio di riguardo per Gianfranco Fini e Papa Ratzinger.

I due comici arrivano sul palco accompagnati da una selva di applausi, mentre uno dei due afferma che l’unico elemento mancante delle serate è lo sberleffo, ovvero un pò di sana satira. A quel punto Luca ribatte che non esiste satira che non sia rivolta contro Silvio Berlusconi. Luca però non fa mai un tempo a pronunciare il nome fatale che Paolo lo anticipa con un altro nome che, nella maggior parte dei casi, appartiene alla sinistra.

Il primo a cadere tra le loro grinfie è Roberto Saviano, e mentre Luca afferma che su di lui non si può scherzare, il suo degno compare parte ad elencare tutti i difetti del noto giornalista, come ad esempio l’eccessiva lunghezza delle pause o il fatto che dica cose ovvie tipo “In Campania” pausa “c’è la camorra”, o “alla Juve…” pausa “ci danno i rigori”.

Poi tocca a Michele Santoro, colpevole di fare, secondo i due comici, un pò troppo la vittima. Quanto al presidente della Camera, Gianfranco Finisi e’ rintronato da quando la sua vita privata è cambiata, la sua compagna è arrivata con il pullman, ci credo poi la casa di Montecarlo…non ci stavano piu’, sono arrivati in 57“.

DI Luca Cordero di Montezemolo invece citano i continui ripensamenti sullo schierarsi o meno in politica.

Insomma, forse un siparietto un pò troppo accomodante e decisamente sottotono rispetto all’esibizione della serata d’esordio.