Gossip News » Primo Piano » Bunga Bunga: alle feste di Arcore anche Elena Morali, ex fidanzata di Renzo Bossi

Bunga Bunga: alle feste di Arcore anche Elena Morali, ex fidanzata di Renzo Bossi

BUNGA BUNGA – Dalle 728 pagine di richiesta di rinvio a giudizio depositate dai magistrati Forno, Bocassino e Sangermano emerge una nuova, sconvolgente verità. Agli ormai arcinoti festini di Arcore ha partecipato anche Elena Morali, ex fidanzata di Renzo Bossi.

A dare la notizia è Il Fatto Quotidiano. Fino a questo momento il dettaglio era rimasto nascosto, ma pare non ci siano dubbi. Il coinvolgimento dell’ ex protagonista de La Pupa e Il Secchione è testimoniato da un’ intercettazione telefonica tra Emilio Fede e Barbara Faggioli.

È il 26 settembre e mancano pochi minuti alle 18.00, la Faggioli chiama il direttore del tg 4, chiedendogli come sta.

Benino grazie, ieri avevo una sberla addosso che non finiva più” risponde Fede. Poi i due cominciano a parlare di una delle famose serate di Arcore.

Ma con chi è rimasto? Due?” domanda Fede e la Faggioli:

In realtà è rimasto con quelle due, poi c’era la Cinzia e poi c’era l’Anna, poi io so che praticamente ieri è rimasto anche d’accordo che tornava la Maristelle, poi c’era quella, la pupa, quella che è fidanzata con Renzo Bossi che è rimasta“. A questo punto, il buon Emilio Fede chiede qualche informazione in più circa l’ identità della ragazza.

Chi sarebbe la fidanzata del Trota? A sì quella che gli piace. La biondona, quella un po’ volgare. Si tratta della slava?”.

La Faggioli risponde:

“no, quella bergamasca”.

Per la cronaca Elena Morali, famosa per aver partecipato a  La Pupa e il Secchione, aveva avuto una storia d’ amore con Renzo Bossi, risalente al momento delle intercettazioni.

Il mio Trota? (così viene soprannominato Bossi jr.), sarebbe un marito e un padre ideale. Ci siamo conosciuti un anno e mezzo fa alle finali di Miss Padania così aveva affermato la Morali durante un’ intervista a Bergamonews.

Nel frattempo si avvicina il 6 aprile, data in cui il nostro Premier Silvio Berlusconi dovrà rispondere di gravissimi reati come lo sfruttamento della prostituzione minorile.