Gossip News » Attualità » Liz Taylor, morta a Los Angeles, riposerà accanto a Marilyn Monroe – VIDEO

Liz Taylor, morta a Los Angeles, riposerà accanto a Marilyn Monroe – VIDEO

ELIZABETH TAYLOR – E’ morta ieri per un arresto cardiaco, al Cedars Sinai Medical Center di Los Angeles, l’interprete di Cleopatra, la donna dai 7 mariti, la mitica Liz Taylor.

79 anni di successi, amori, gioie, dolori: la diva, secondo il sito di gossip Tmz, riposerà accanto ad una “collega”, Marilyn Monroe, al cimitero delle star che ospita già Michael Jackson, Farrah Fawcett, Dean Martin e Truman Capote, il Pierce Brothers Westwood Village Memorial Park Cemetery di Los Angeles.

L’amico Elton John saluta Liz attraverso la sua pagina su Twitter, dove la definisce “un gigante di Hollywood, un incredibile essere umano“. Whoopi Goldberg la ricorda sulla sua pagina di Facebook: “Oggi è morta la mia amica Elizabeth Taylor. Anche se tutti sapevamo che questo giorno sarebbe arrivato, la sua scomparsa mi ha tolto il respiro. Era una donna divertente, fantastica, una grande narratrice di storie. Ha avuto un ruolo fondamentale nel dare forma alla Whoopi che sono. Davvero è la fine di un’era“.

Abbiamo perso una figura memorabile che ho avuto la fortuna di conoscere e di lavorarci. Con lei muore una diva come non esistono più” ha dichiarato il regista Franco Zeffirelli, che ha avuto l’onore e il piacere di lavorare con la Taylor ne La bisbetica domata Il giovane Toscanini. “E’ un giorno molto triste perché Elizabeth Taylor era l’ultima dei grandi di Hollywood. Era anche l’unica persona che ho mai conosciuto con gli occhi viola” ha aggiunto George Michael.

Michael Wilding, il primo dei suoi quattro figli, la ricorda così: “Mia mamma è stata una donna straordinaria che ha vissuto in pieno la sua vita, con grande passione, humour e amore. La sua perdita è devastante per noi che l’avevamo così cara, ma resteremo sempre ispirati dal suo contributo. Sappiamo, semplicemente, che il mondo è un luogo migliore perché mamma ci ha vissuto”.

Di Liz oggi ci rimangono i suoi film: grazie ad essi Elizabeth vivrà per sempre nel nostri ricordi.

  • There’s One Born Every Minute, regia di Harold Young (1942)
  • Torna a casa Lassie! (Lassie Come Home), regia di Fred M. Wilcox (1943)
  • La porta proibita (Jane Eyre), regia di Robert Stevenson (1943) – Non accreditata
  • Le bianche scogliere di Dover (The White Cliffs of Dover), regia di Clarence Brown (1944) – Non accreditata
  • Gran Premio (National Velvet), regia di Clarence Brown (1944)
  • Il coraggio di Lassie (Courage of Lassie), regia di Fred M. Wilcox (1946)
  • Vita col padre (Life with Father), regia di Michael Curtiz (1947)
  • Cinzia (Cynthia), regia di Robert Z. Leonard (1947)
  • Così sono le donne (A Date with Judy), regia di Richard Thorpe (1948)
  • La bella imprudente (Julia Misbehaves), regia di Jack Conway (1948)
  • Piccole donne (Little Women), regia di Mervyn LeRoy (1949)
  • Alto tradimento (Conspirator), regia di Victor Saville (1949)
  • La sbornia di David (The Big Hangover) (1950), regia di Norman Krasna
  • Il padre della sposa (Father of the Bride), regia di Vincente Minnelli (1950)
  • Papà diventa nonno (Father’s Little Dividend), regia di Vincente Minnelli (1951)
  • Un posto al sole (A Place in the Sun), regia di George Stevens (1951)
  • Quo vadis? (Quo Vadis), regia di Mervyn LeRoy (1951) – Non accreditata
  • Callaway Went Thataway, regia di Melvin Frank e Norman Panama (1951) … Se stessa – Non accreditata
  • Marito per forza (Love Is Better Than Ever), regia di Stanley Donen (1952)
  • Ivanhoe (Ivanhoe), regia di Richard Thorpe (1952)
  • Vita inquieta (The Girl Who Had Everything), regia di Richard Thorpe (1953)
  • Rapsodia (Rhapsody), regia di Charles Vidor (1954)
  • La pista degli elefanti (Elephant Walk), regia di William Dieterle (1954)
  • Lord Brummell (Beau Brummell), regia di Curtis Bernhardt (1954)
  • L’ultima volta che vidi Parigi (The Last Time I Saw Paris), regia di Richard Brooks (1954)
  • Il gigante (Giant), regia di George Stevens (1955)
  • L’albero della vita (Raintree County), regia di Edward Dmytryk (1957)
  • La gatta sul tetto che scotta (Cat on a Hot Tin Roof), regia di Richard Brooks (1958)
  • Improvvisamente l’estate scorsa (Suddenly, Last Summer), regia di Joseph L. Mankiewicz (1959)
  • Scent of Mystery, regia di Jack Cardiff (1960) – Non accreditata
  • Venere in visone (BUtterfield 8), regia di Daniel Mann (1960)
  • Cleopatra, regia di Joseph L. Mankiewicz (1963)
  • International Hotel (The V.I.P.s), regia di Anthony Asquith (1963)
  • Castelli di sabbia (The Sandpiper), regia di Vincent Minnelli (1965)
  • Chi ha paura di Virginia Woolf? (Who’s Afraid of Virginia Woolf?), regia di Mike Nichols (1966)
  • La bisbetica domata (The Taming of the Shrew), regia di Franco Zeffirelli (1967)
  • Il dottor Faustus (Doctor Faustus), regia di Richard Burton e Nevill Coghill (1967)
  • Riflessi in un occhio d’oro (Reflections in a Golden Eye), regia di John Huston (1967)
  • I commedianti (The Comedians), regia di Peter Glenville (1967)
  • La scogliera dei desideri (Boom), regia di Joseph Losey (1968)
  • Cerimonia segreta (Secret Ceremony), regia di Joseph Losey (1968)
  • Anna dei mille giorni (Anne of the Thousand Days), regia di Charles Jarrott (1969) – Non accreditata
  • L’unico gioco in città (The Only Game in Town), regia di George Stevens (1970)
  • X, y & “Zi” (Zee and Co.), regia di Brian G. Hutton (1972)
  • Under Milk Wood (Under Milk Wood), regia di Andrew Sinclair (1972)
  • Una faccia di c… (Hammersmith Is Out), regia di Peter Ustinov (1972)
  • Ad un’ora della notte (Night Watch), regia di Brian G. Hutton (1973)
  • Mercoledì delle ceneri (Ash Wednesday), regia di Larry Peerce (1973)
  • Identikit, regia di Giuseppe Patroni Griffi (1974)
  • Il giardino della felicità (The Blue Bird), regia di George Cukor (1976)
  • Gigi (A Little Night Music), regia di Harold Prince (1977)
  • Rebus per un assassinio (Winter Kills), regia di William Richert (1979) – Non accreditata
  • Assassinio allo specchio (The Mirror Crack’d), regia di Guy Hamilton (1980)
  • Il giovane Toscanini, regia di Franco Zeffirelli (1988)
  • I Flintstones (The Flintstones), regia di Brian Levant (1994)