Gossip News » Attualità » Gerry Scotti critica Lele Mora, Emilio Fede e i festini del Bunga bunga

Gerry Scotti critica Lele Mora, Emilio Fede e i festini del Bunga bunga

GERRY SCOTTI – Il presentatore di Chi vuol esser milionario non si era mai espresso sul caso Ruby, almeno fino ad oggi. Già, perchè in una intervista al settimanale A Gerry Scotti vuota il sacco e senza peli sulla lingua dice la sua su Lele Mora, Emilio Fede e compagnia bella:

A meravigliarmi è la sorpresa generale per il caso Lele Mora. Sono almeno 15 anni che organizza festini per i manager della comunicazione, il suo è un sistema super collaudato”.

Poi passa al ‘caso Fede’:

“Da ospite nei miei programmi, Fede è sempre stato molto buffo. La nostra conoscenza, però, finisce qui: di certe abitudini non sapevo nulla. Mi stupiscono, specie per l’età. Trovo che chi a 80 anni abbia così tanta voglia di divertirsi, deve averlo fatto poco a 20. Si vede che io avevo già dato”.

E sul Bunga bunga aggiunge:

Il Rubygate l’ho vissuto con l’imbarazzo del padre di famiglia. Ho avuto al mio fianco le più belle donne della tv, da Valeria Marini a Martina Colombari, passando per Michelle Hunziker, Ilary Blasi e Silvia Toffanin. Con tutte c’è stato un rapporto di rispetto. Di quell’aria da basso impero che circonda il substrato di vallettame mi ero accorto da tempo, però, e da qualche anno ho deciso di condurre le mie trasmissioni da solo”.

Inaspettata la conclusione del presentatore:

“La tanto bistrattata Prima Repubblica non era in fin dei conti così male (lui è stato parlamentare nel Psi tra l’87 e il ’92, ndr). Vedo molti più nani e ballerine oggi, che anche una showgirl può ottenere un ruolo istituzionale“.

Chissà a quale showgirl si riferisce Gerry Scotti…

Nel frattempo Lele Mora ha optato per un piccolo colpo di scena, convocando una conferenza stampa per giovedì 12 maggio:

“È arrivato il momento di rompere il silenzio ora anche io sento il bisogno di parlare, non l’ ho fatto fino ad ora ma ormai i tempi sono maturi. È arrivato il momento di rendere pubblica la mia posizione. Mi renderò disponibile a rispondere a tutte le domande che i media vorranno pormi”.