Gossip News » Primo Piano » Serena Autieri: in Fratelli detective farò perdere la testa ad Enrico Brignano

Serena Autieri: in Fratelli detective farò perdere la testa ad Enrico Brignano

SERENA AUTIERI – Su canale 5, dal 16 maggio è in arrivo la nuova fiction dedicata al crimine: Fratelli detective e, naturalmente, Serena Autieri ne fa parte.

Sono Valentina una cameriera dolce e solare  ma che nasconde una relazione sentimentale complicata e quando capisce che il detective Francesco (Brignano, ndr) è l’uomo giusto, entra in crisi” afferma l’attrice a Tgcom

La Autieri, che da settembre è felicemente sposata con Enrico Griselli, rivela:

Valentina è una ragazza, dinamica, solare, che ama la moda e che si trova ad affrontare con grande grinta e coraggio la vita. Insomma sembra che la sua vita ruoti attorno alla libertà e al suo lavoro. Ma è solo apparenza“.

L’attrice riscontra somiglianze e differenze rispetto alla donna che è stata chiamata a interpretare.

Diciamo che fino a quando non ho conosciuto mio marito, non ero così connessa con l’amore. Ho avuto degli scambi emotivi anche belli ma non avevo voglia di mettermi in gioco con l’amore, preferivo concentrarmi sul lavoro e sulla mia vita. Meno male che ho conosciuto il mio compagno comunque“!

La Autieri inoltre afferma di aver messo anima e corpo in questo progetto.

Noi attori abbiamo anche mangiato per strada con i macchinisti su dei tavolacci (ride, ndr) ma ci abbiamo creduto tanto nel progetto. Poi c’era una bella energia nell’aria…”.

Per quanto riguarda i progetti futuri dopo Fratelli detective, la Autieri aggiunge:

Sto lavorando ad un’altra produzione Mediaset dal titolo “Dov’è mia figlia”. Sono la compagna di Claudio Amendola e con noi sul set ci sono anche Nicole Grimaudo e Edoardo Leo. E’ un ruolo drammatico il mio, mi sono calato nei panni di una mamma disperata. E’ stato un lavoro interessante che ho cercato di approfondire cavalcando anche il mio istinto materno. Vedrete un’altro lato di Serena, sicuramente più drammatico, quello che io amo di più professionalmente“.