Gossip News » Attualità » “Notte prima degli esami 82” e “I Liceali”: i teen drama italiani deludono

“Notte prima degli esami 82” e “I Liceali”: i teen drama italiani deludono

NOTTE PRIMA DEGLI ESAMI 82 – “Quant’è difficile raccontare gli adolescenti!” osserva Aldo Grasso su Corriere.it, analizzando i dati auditel dei teen drama andati in onda in questa calda primavera “Se negli Usa, da almeno vent’anni, il genere del teen drama s’incarica di rappresentare l’universo dell’adolescenza, in Italia la ricetta per creare un prodotto televisivo simile pare di difficile realizzazione. Ci ha provato, la scorsa settimana, ‘Notte prima degli esami 82‘, miniserie in onda nella prima serata di Raiuno. L’esito non è stato eccezionale, nonostante la serie fosse una diretta derivazione del film che ha dato tante soddisfazioni, in sala ma anche in tv (oltre sei milioni di spettatori per la prima tv generalista)“.

Aldo Grasso va poi nel dettaglio: “La media d’ascolto delle due puntata è stata di 4.017.000 spettatori, per uno share del 14,9%. Ma la cosa interessante è che, a una fiducia iniziale riservata al prodotto (più di quattro milioni e mezzo per la prima puntata), è seguita una certa disillusione (3.414.000 spettatori per la seconda puntata). La composizione del pubblico mostra una prevalenza del pubblico femminile, una netta prevalenza del Centro-Sud, ma soprattutto una polarizzazione su due fasce d’ascolto: adolescenti (17,7% di share) e ultra65enni (17,4% di share)“. Insomma, la serie non ha convinto le fasce intermedie d’età, proprio quelle a cui si rivolgeva!

In queste stesse settimane pare faticare un po’ anche la 3° stagione dei ‘Liceali’, in onda su Canale 5: se la prima stagione viaggiava attorno al 20% di share, quella attuale si ferma, per ora, al 13,2%” continua il critico televisivo “Anche se la composizione del pubblico è decisamente più giovane, e raggiunge il 25% proprio nella fascia 15-24 anni, quella più interessata. Quant’è difficile rappresentare gli adolescenti: sarà, quello del teen drama, un genere di difficile importazione, o sarà che i nostri autori tendono a caricarlo di troppi stereotipi sui giovani?”.