Gossip News » Bellezza » Abbronzatura: attenzione alle prime esposizioni della stagione

Abbronzatura: attenzione alle prime esposizioni della stagione

Conosciamo tutti la sensazione dei primi week-end di caldo, quando desideriamo andare al mare e farci il primo bagno della stagione, respirare un po’ di iodio…insomma cominciare a sentirci un po’ in vacanza dopo il lungo e scuro inverno!

Quando si tratta di sole però dobbiamo fare attenzione all’esposizione della nostra pelle, onde evitare danni.

La pelle deve essere preparata in anticipo e protetta adeguatamente nel momento in cui ci esponiamo al sole!

Per avere una abbronzatura dorata, sana, uniforme, è bene avere una pelle levigata e liscia, e questo è possibile attraverso uno scrub, da effettuare due volte a settimana, con prodotti appositi o fai da te (utile e veloce in tal senso è uno scrub composto da albume – chiara d’uovo –, miele e sale fino), su pelle asciutta per un maggiore effetto, su pelle umida per un gommage delicato. È bene insistere sulle parti più ruvide come talloni, ginocchia, gomiti, e risciacquare accuratamente.

Preparare la pelle significa anche prediligere quei cibi che favoriscono l’abbronzatura, e assumere integratori a base di betacarotene che stimola e accelera la produzione di melanina, vitamine antiossidanti, fitoestratti e acidi grassi, utili  a proteggere le membrane cellulari dai raggi ultravioletti.

Gli ultimi ritrovati per solari, vedono una maggiore attenzione ai raggi UVA e UVB, responsabili dell’invecchiamento, con formule fotostabili, cioè resistenti al calore e alla luce.

Non dimentichiamo l’idratazione: sotto il sole la pelle tende a perdere acqua, e bisogna reintegrarla bevendo e utilizzando creme!

Oltre a filtri solari elevati, è bene – soprattutto per il primo sole – ridurre la durata delle esposizioni agli orari migliori per non scottare la pelle, cioè la mattina presto e il pomeriggio tardi: vanno evitati gli orari dalle 12 e le 16, in quanto i raggi ultravioletti sono più diretti.

È bene fare attenzione anche al riverbero del sole, alle giornate nuvolose, dove ci sembra apparentemente di non abbronzarci: sono le situazioni in cui basta poco per scottarsi!