Gossip News » Bellezza » Cosmetici: durata e conservazione per un uso in sicurezza

Cosmetici: durata e conservazione per un uso in sicurezza

Nell’acquistare un cosmetico è importante conoscere dei piccoli accorgimenti per non incappare in fregature o prodotti non utili al nostro bisogno, o addirittura dannosi.

Si è già lungamente parlato dell’importanza degli ingredienti, del cosiddetto INCI dei prodotti, mettendo in evidenza la necessità che siano indicati i singoli ingredienti contenuti, da quello con il quantitativo maggiore in ordine decrescente.

Solo gli ingredienti presenti all’1% possono essere scritti alla fine senza un ordine preciso.

Le informazioni più preziose sono quelle che riguardano allergeni vari, causa di reazioni allergiche e addirittura danni alla pelle o capelli, necessari da evitare.

Si parla in particolare di 1.400 ingredienti circa, tra i quali emergono: i derivati del petrolio, in genere utilizzati come emollienti ma possono contenere impurità dannose, oltre ad un impatto inquinante sull’ambiente; i profumi, responsabili di irritazioni e allergie; la formaldeide, una sostanza considerata cancerogena.

Per dubbi e maggiori informazioni è possibile consultare il Biodizionario, in cui sono censite 4947 su 6205 sostanze esistenti, e classificate secondo la sicurezza del prodotto con pallini verdi, gialli o rossi.

Anche la conservazione del prodotto è importante al fine di preservarne le qualità. Molti richiedono un ambiente asciutto e non esposto a fonti di calore (solare o artificiale), per cui è bene conservarli in sportelli o cassetti, altri prodotti vanno tenuti in fresco, addirittura in frigo (soprattutto quelli di origine naturale senza conservanti).

L’importante è sapere che tutti i prodotti hanno una scadenza. Sì, se qualcuno non lo sapesse ancora, bisogna prestare molta attenzione alla scadenza del prodotto, soprattutto quelli per il make-up che tante donne tendono a conservare per molti anni.

Sull’etichetta sono indicate due date: una di scadenza, che non è obbligo indicarla per prodotti con scadenza superiore ai 30 mesi, un’altra data è il Pao, che esprime in mesi il tempo in cui un prodotto può essere utilizzato dopo la sua apertura; è in genere quel vasetto aperto disegnato sul retro con un numero all’interno, che indica appunto i mesi dall’apertura.

Potrebbe essere utile sfruttare la fine dell’estate per fare un po’ di “pulizia” tra i nostri prodotti, e rinnovare così in modo sano e salutare le nostre abitudini di bellezza.