Gossip News » Cinema » Sarah Jessica Parker dedica “Ma come fa a far tutto?” alle mamme lavoratrici

Sarah Jessica Parker dedica “Ma come fa a far tutto?” alle mamme lavoratrici

SARAH JESSICA PARKER – “Ma come fa a far tutto?“. Questo il titolo del nuovo film (nelle sale italiane dal 23 settembre 2011) con la mitica Carrie di Sex And The City, Sarah Jessica Parker.

Nella commedia, Sarah interpreta Kate Reddy, madre di due figli che cerca di conciliare una carriera galoppante e impegnativa con una famiglia (giustamente) esigente e amorevole. Anche nella vita però, la Parker (che ha tre figli, di cui due gemelle) si ritrova spesso a dover affrontare i problemi, le crisi e le sfide quotidiane della protagonista del film.

“Arriva un momento in cui bisogna ammettere che c’è un deficit, che il lavoro entra troppo nella tua vita e tu ti guardi indietro e vedi che 18 mesi sono passati e che senza accorgertene hai perso il punto di vista sulle cose” spiega l’attrice in un’intervista a Corriere.it. “Certo io non ho questi problemi perché sono una privilegiata ma bisogna parlare di voi mamme moderne, voi che lavorate perché avete la passione ma anche perché dovete pagare il mutuo” aggiunge Sarah. E a noi non può che venire in mente la recente e sfortunata uscita di Simona Ventura che si lamentava invece di non arrivare a fine mese a causa dei suoi mutui.

La Parker dunque non ha la pretesa di paragonarsi a noi “povere mortali” che dobbiamo sì conciliare carriera e famiglia come molte attrici e vip, ma non avendo a disposizione i loro stessi ‘introiti’ non possiamo avvalerci dell’aiuto di tate, donne di servizio e ‘aiutini’ vari. “La mia Kate racconta le vostre giornate, le responsabilità che vi prendete e quanto vi pesano, le sfide che vivete ogni giorno, quanto a volte siete terrorizzate e altre appagate” dichiara l’attrice.

Che dire? Dopo le dichiarazioni della Ventura o quelle ancor più irritanti di Victoria Beckham (“E’ dura essere una mamma che lavora!”) non possiamo che complimentarci con Sarah Jessica Parker che, per lo meno, ha avuto il buon senso di non cercare la nostra compassione.