Gossip News » Primo Piano » Antonella Clerici torna in tv con i bimbi: “Tutti mi copiano”

Antonella Clerici torna in tv con i bimbi: “Tutti mi copiano”

ANTONELLA CLERICI – Domani dunque, su Rai1 parte la quinta edizione di “Ti lascio una canzone” condotto come sempre da Antonella Clerici dove bambini dagli 8 ai 15 anni interpretano le canzoni che hanno fatto la storia della musica italiana. Peccato che ieri sia partito su Canale 5, Gerry Scotti con uno show identico.

“Non sono cattiva, non sono astiosa. Ma la Rai ha il copyright di Ti lascio una canzone e dovrebbe decidere di non andare in onda nello stesso periodo di Io canto. Ecco, siamo penalizzati da Io canto ma noi siamo la Rai. Andiamo in diretta con un prodotto forte, lo voglio salvare dignitosamente. E comunque, questa decisione spetta ai dirigenti”.

I bastoni tra le ruote, oltre a Io canto, ad Antonellina li mette pure Maria De Filippi, che sempre domani è in prime time con l’inossidabile C’è posta per te. “Sono cosciente della corazzata, io ci provo. A volte vinco, altre perdo. Ormai gli ascolti, tra digitale e satellitare, sono talmente frammentati che saranno sempre più bassi. Sono certa che indietro non si può tornare”.

Sul programma al centro di polemiche per lo sfruttamento dell’immagine dei bambini la Clerici è serena: “Mi diverto, la tv è allegria. E loro si divertono”. Più deciso Massimiliano Pani, in giuria di qualità: “I bambini di oggi sono anestetizzati dai videogiochi, la musica nutre l’anima”.

Antonellina non farà Sanremo per i troppi impegni e sul futuro ha poche certezze: “A giugno mi scade il contratto con la Rai. Ora sto bene, se mi vogliono resto. Uno deve sentirsi amato e a volte questa azienda con me non l’ha fatto. Sono limpida, se stessi male me ne andrei”.

Nessuna intenzione dunque di abbandonare viale Mazzini per lidi che tanto vanno di moda, come La7 o Sky: “Io ho sempre fatto il contrario degli altri: è molto più facile andarsene che restare, soprattutto in un momento difficile come questo. Mi piace la lotta. La Ventura? Ha fatto bene a lasciare l’azienda. Non stava bene, ha avuto un’opportunità di vita”.