Gossip News » Primo Piano » Alessandro Preziosi: “Per vendetta mi trasformo in cattivo”

Alessandro Preziosi: “Per vendetta mi trasformo in cattivo”

ALESSANDRO PREZIOSI – Tornato in tv con la nuova fiction “Un amore e una vendetta”, Alessandro Preziosi ha raccontato in un’intervista a Tgcom, come è riuscito a calarsi nei panni di un personaggio così vendicativo come Lorenzo a cui lui dà il volto.

“Lorenzo è il classico personaggio da romanzo popolare – racconta Preziosi – che subisce una trasformazione da uomo buono e ingenuo a cattivo. Cambia pelle per attuare una vendetta. Questa fiction è liberamente ispirata alle vicende del Conte di Montecristo”.

Qual è stata la difficoltà maggiore per interpretare Lorenzo?
“In realtà è stato stimolante perché dovevo pensare e dare un colore negativo a Lorenzo. Ho cercato di capire e comprendere quali fossero le motivazioni che lo hanno spinto all’odio, mosso inizialmente poi dall’amicizia e dall’amore. Un po’ come un’aquila che vola alto e dalla sua posizione osserva dinamiche e movimenti per poi attaccare”.

E tutto questo come si traduce nel film?
Il percorso è quello del silenzio iniziale. Assoluto e assordante anche per capire il punto di vista del protagonista che entra in contatto con Laura (Anna Valle)…”.

Ecco che la donna sconvolge i piani…

Esattamente. Insomma questa aquila poi diventa un aquilotto (ride, ndr) anche perché comincia a rimettere in discussione il suo progetto. L’amore per lei non si è mai spento e la dolcezza di Laura annulla le prerogative feroci iniziali”.

Soddisfatto del risultato?
Molto. E’ stato un bellissimo percorso di quattro mesi continuativo”.

Anche tu sei un’aquila?

Non sono uno che studia le persone e non nasco ‘preconfezionato’… Se dovessi associarmi ad un animale direi piuttosto un ariete, che peraltro è il mio segno zodiacale”.

Quali sono i tuoi prossimi impegni?

Abbiamo finito di girare con Pappi Corsicato la commedia ironica e divertente sulla chirurgia estetica “Il volto di un’altra” con Laura Chiatti. Poi torno al mio amato teatro con il “Cyrano de Bergerac” da me diretto ed interpretato”.

Infine stato nell’occhio del ciclone dei giornali gossip per la tua storia con Vittoria Puccini, come sei riuscito a reggere questa pressione mediatica?

Vuoi mettermi alla prova? (ride, ndr)”.