Gossip News » Reality Show » Grande Fratello » Grande Fratello: Mauro Marin rifiuta sesso a pagamento con una fan

Grande Fratello: Mauro Marin rifiuta sesso a pagamento con una fan

GRANDE FRATELLO 10 – Cosa sono costretti a sopportare gli ex gieffini pur di fare qualche soldino a due anni di distanza dalla loro partecipazione al Grande Fratello! La popolarità cala, è naturale. Anche se il GF lo hai vinto. Ma a tutto c’è un limite!

Pensate che il vincitore della decima edizione del reality show, Mauro Marin, si è ritrovato, a suo dire, in una situazione alquanto imbarazzante. Invitato alla festa di una fan sfegatata con la promessa di ricevere, a fine serata, 2000 euro, Mauro si è visto fare una proposta indecente dagli organizzatori. Questi infatti gli avrebbero chiesto di far sesso con la loro cliente. Peccato che davanti a un suo secco rifiuto, l’agenzia torinese abbia poi deciso di… non pagargli la serata!

Marin, tra l’altro molto innamorato della nuova fidanzata Cristina, ha denunciato l’agenzia (che a quanto pare non è nuova a queste cose) chiedendo 12.000 euro di danni. “La serata si è svolta in ottobre in un locale pubblico” racconta il salumiere. “C’era questa ragazza che mi voleva come ospite d’onore. Era pieno di gente e ci siamo divertiti. Poi però mi è stato detto che la cosa non finiva lì e che sarei dovuto andare a letto con lei. Ma scherzate? Mi sono negato. Avevamo pattuito duemila euro, ho fatto fattura, era tutto in regola. Il responsabile dell’agenzia mi aveva rassicurato promettendomi anzi un extra perché la festa era andata proprio alla grande“.

Quel bonifico, però, non è mai arrivato. E la stessa cosa è capitata anche ad altri due colleghi, con la medesima agenzia. Alla fine chi fa il Grande Fratello parla sempre dei successi che ha, ma mai delle fregature che prende. È un mondo fatto così, purtroppo” conclude amareggiato l’ex gieffino.

Il mio avvocato oltre al saldo del debito ha presentato anche richiesta di risarcimento danni perché è stata utilizzata la mia immagine da organizzatori che non mi hanno pagato. La denuncia ai carabinieri per induzione alla prostituzione l’ho presentata anche per calcare la mano: se mi pagano potrei anche valutare di ritirarla, altrimenti ci vedremo senz’altro in tribunale“.