Gossip News » Primo Piano » Eleonora Abbagnato: “Non ci sono ballerine anoressiche”

Eleonora Abbagnato: “Non ci sono ballerine anoressiche”

ELEONORA ABBAGNATO – Ospite al Cosmoprof di Bologna, Eleonora Abbagnato ha parlato della bellezza  che, secondo lei, in Italia é “standardizzata, plastica e finta…le donne  sono ossessionate a mostrarsi tutte uguali… La mania di mostrare gli stessi  volti, seni o forme finte ed omologate non esiste all’estero, in particolare in  Francia ed in Europa dove le donne mostrano una bellezza mista, fatta di  infinite taglie e bellezze diverse e senza una ossessione così spiccata per  l’estetica”.

Da qualche mese diventata mamma della piccola Julia avuta dal marito Federico Balzaretti, la Abbagnato ha confessato di aver già recuperato il peso forma: “Sono orgogliosa di rappresentare la kermesse del Cosmoprof e la bellezza  italiana nel mio Paese ed all’estero. Spero che i canoni estetici cambino verso  una bellezza naturale e più consapevole. In gravidanza ho preso 11 chili e, dopo  il parto, ho perso subito cinque chili. Ho ritrovato il peso forma in breve  tempo perché sto attenta ad alimentarmi in modo sano e senza eccessi. Uso  cosmetici naturali e ci tengo alla mia bellezza anche perché il fisico è molto  importante per le ballerine. La bellezza e la grazia contano per l’80% sul  palco”.

All’evento era presente anche l’ex ballerina della Scala Di Milano Maria Francesca Garritano che ha denunciato i problemi alimentari che colpiscono molte ballerine. Sul suo esempio anche Giulia Pauselli, ex ballerina di Amici ha raccontato di essere stata vicino ad ammalarsi di anoressia quando danzava presso la scuola del teatro milanese. Ma la prima ballerina dell’Operà di Parigi non sembra essere d’accordo.

“Parlare di anoressia nell’ambiente delle ballerine offende noi artisti che  ci impegniamo nel nostro lavoro. Non ci sono casi di anoressia né ho mai visto  ballerine anoressiche, conduciamo una vita molto faticosa e una malattia del  genere non ci permetterebbe di resistere agli allenamenti. Invece c’é chi, non  riuscendo a diventare famosa, approfitta dell’argomento per un po’ di  notorietà”.