Gossip News » Attualità » Festival di Sanremo: Brogli al televoto per la vittoria di Valerio Scanu e Emma

Festival di Sanremo: Brogli al televoto per la vittoria di Valerio Scanu e Emma

FESTIVAL DI SANREMO – Qualche settimana fa Pupo aveva rilasciato una dichiarazione a ‘Panorama’ in cui diceva che la vittoria del Festival di Sanremo 2010 era sua e di Emanuele Filiberto con la canzone “Italia amore mio”, mentre Valerio Scanu avrebbe in qualche modo scippato il primo posto.

Prontamente Scanu lo aveva querelato, ma a sorpresa è Gigi Vesigna, storico direttore di ‘Tv, Sorrisi e Canzoni” a dare fondatezza, tramite il quotidiano ‘Il Giornale’ alle parole di Enzo Ghinazzi-Pupo:

Due anni fa Pupo, il principe Emanuele Filiberto di Savoia e il tenore Luca Canonici stavano per vincere con Italia amore mio. Sarebbe stato un disastro, perché non c’era proprio la canzone. Mi risulta che sia entrato in azione un funzionario della Rai. Morale: il loro numero di telefono ha smesso di funzionare, dava sempre occupato, ho provato io stesso a chiamare. E ha vinto Valerio Scanu, arrivato a Sanremo grazie ad Amici di Maria De Filippi, che era al secondo posto. Ma c’è riuscito solo perché avevano bloccato il numero telefonico di Pupo e del principe. Un ordine partito dall’alto. Ti ripeto: sono ipotesi. Le quali però, stranamente, ottengono i risultati che t’aspetti”. 

Lo stesso tipo di ipotesi  vale per la vincitrice di quest’anno Emma Marrone, anch’essa come Scanu proveniente dal “vivaio” di Amici:

“Emma l’ho indovinata anch’io. A dire il vero aveva vinto Noemi, ma è rimasta in testa solo un quarto d’ora. Poi s’è scatenato il televoto degli amici degli amici e ha vinto Emma. Ha talmente vinto che Noemi è arrivata terza, neanche seconda. Ed era prima. Il televoto è una roba vergognosa, sai? Ti compri un call center, paghi 2 euro una telefonata che a loro costa 1,75 e vinci. È un modo per far soldi da parte della Rai e delle compagnie telefoniche”.

Supposizioni pesanti quelle di Vesigna, che se fossero vere, metterebbero certamente in dubbio la credibilità del Festival.