Gossip News » Attualità » Piermario Morosini morto: il ricordo di amici e colleghi

Piermario Morosini morto: il ricordo di amici e colleghi

PIERMARIOMOROSINI – La morte di Piermario Morosini ha unito il mondo del calcio in un unico, grande dolore. Subito dopo la tragica notizia, sono tanti gli amici e colleghi che hanno coluto manifestare il loro cordoglio.

Pocho Lavezzi: “Incredibile quello che è successo oggi… riposa in pace Piermario”.

Francesco Totti: “Crollare a terra e morire a 26 anni in un campo di calcio. Immagini scioccanti che rimarranno a lungo impresse nelle nostre menti. Davanti ad una tragedia così non ci sono parole: solo rispetto e silenzio”.

Zlatan Ibrahimovic: “Again tragedy in football … RIP Morosini”.

Wesley Sneijder: “Rest in peace Piermario Morosini, riposa in pace….”.

Edinson Cavani: “Sono senza parole e con molto dolore e tristezza per la perdita di un collega”.

Kevin-Prince Boateng: “Rest in peace Piermario Morosini,riposa in pace….”.

Stefano Mauri: “Ti ricordo ad Udine, compagno leale, sempre sorridente, un abbraccio Moro. RIP”.

Giorgio Chiellini: “Davvero sconvolto e senza parole. Non ci posso ancora credere. Ciao Mario”.

Marco Materazzi: “Ciao Moro !!!!”.

Marco Di Vaio: “Leggendo ed ascoltando suoi ex compagni ho capito che se ne e’ andato un grande uomo…una tragedia incredibile!!! Mancherai a tutti!!!”.

Sergio Aguero: “El fallecimento del jugador del Livorno Piermario Morosini nos duele a todos. Hoy es un día muy triste. Mis condolencias a la familia “.

Fabio Cannavaro: “Ho saputo di questa triste notizia riposa in pace Morosini, un abbraccio a tutta la tua famiglia…”.

Claudio Marchisio: “Non so cosa dire, pensare ad un amico oltre che collega, morire così su un campo di calcio!”.

Gokhan Inler: “Piermario era un ragazzo garbato, dai modi gentili ed un professionista serio. Sono sgomento, è tutto assurdo”.

Morgan De Sanctis: “Se ne va un ragazzo semplice, umile e sempre molto disponibile. E’ una notizia che sconvolge tutti. Siamo vicini alla famiglia per questo tremendo dolore”.

Antonio Floro Flores: “Sono distrutto trovare le forze per scrivere qualcosa è troppo difficile ciao amico mio”.

Joseph Blatter: “Solo lacrime. Non ci sono parole per esprimere quello che ho provato quando ho saputo della morte di Piermario Morosini”.

Totò Di Natale: ” Dobbiamo stare vicini alla sorella. Ho chiesto a tutti i capitani di serie A e B di non abbandonare questa ragazza. Per me Mario era come un fratello, diamole una mano”.

Alex Del Piero: È morto in campo un ragazzo di 25 anni, Piermario Morosini. Torniamo a  casa pensando a lui e al dolore di chi gli è vicino. Alessandro” .

Ligabue: “Andarsene a neanche ventisei anni su un campo di calcio. E in quei pochi anni di vita avere perso il padre, la madre e un fratello. Che cosa vuol dire? Perché? La rabbia e la commozione non permettono di trovare una risposta decente a quelle domande, ma credo che non la troveremo nemmeno quando quei sentimenti si attenueranno un po’. Piermario Morosini mi si era presentato nei camerini assieme ad altri suoi colleghi calciatori in un paio di concerti. Era a Campovolo insieme a molti di voi.Era iscritto al barMario. La foto del suo profilo lo mostra con uno splendido sorriso. Un sorriso che non può non aumentare questa commozione. Questa incredulità. Sono sicuro che tutti gli altri iscritti al barMario vorranno unirsi a me nel mandargli tutto l’affetto che merita. Ad accompagnarlo – conclude- in un viaggio che, è l’augurio più sentito, possa almeno ricongiungerlo con la famiglia che aveva perso quaggiù. Luciano“.

Jovanotti: “Ho saputo che Piermario Morosini era un mio fan, che amava la mia musica, che era stato ai miei concerti. Ho saputo che la sua giovane vita non è stata facile, per niente, anche se faceva un mestiere che di solito fa rima con fortuna, gioia, potere, divertimento, successo. Perché niente è mai come sembra e ogni storia, ogni vita è unica e irripetibile. Ho saputo che proprio perchè la sua vita non era mai stata una passeggiata lui ce la metteva tutta a vivere ogni attimo fino in fondo, a portare allegria e vitalità agli altri, a mettersi al centro quando si trattava di celebrarla, questa vita, attraverso uno sport, ma non solo. Tutte le mattine, come tanti fanno tutti i giorni, col volto sorridente anche quando il cuore è al limite. A lui il mio ringraziamento per avermi fatto sentire, oggi, all’improvviso, parte del suo mondo, del suo cammino pieno di ostacoli ma anche di tenacia, di positività, di voglia di vivere. Ciao Piermario!“.