Gossip News » Primo Piano » Kasia Smutniak: “Divisa tra l’amore di chi c’era e quello per chi c’è”

Kasia Smutniak: “Divisa tra l’amore di chi c’era e quello per chi c’è”

KASIA SMUTNIAK – A due anni dalla morte di Pietro Taricone, il suo grande amore nonchè padre della sua bambina, Kasia Smutniak ha ricominciato a vivere. Non è stato facile ma con l’aiuto di sua figlia, della sua famiglia e di quella di Pietro ha ripreso in mano la sua vita. Oggi, Kasia Smutiniak al cui fianco c’è Domenico Procacci, è di nuovo pronta per amare.

In un’intervista a Vanity Fair, l’attrice parla del suo nuovo amore: “Mi dispiace che si facciano delle semplificazioni, che si tirino conclusioni, che si voglia vedere sempre e a tutti i costi l’happy end. Ci sono già passata. Di me, due mesi dopo la morte di Pietro, si diceva: “Adesso sta bene”, solo perché mi avevano fatto una foto in cui tiravo un sorriso. E poi la gente, che non ti conosce, giudica. Per tante persone che, quando Pietro è morto, mi hanno scritto lettere bellissime e piene d’amore, raccontandomi le loro sofferenze, condividendole con me, ce ne sono state anche altre che mi hanno avvicinato e detto cose brutte. Io devo proteggermi – me, Domenico, mia figlia, la famiglia di Pietro che è la mia famiglia – da queste persone che pensano che la vita sia qualcosa di non vero, un telefilm. Siccome mi vedono al cinema o sui giornali, forse pensano che io sia finta, che viva in un mondo magico in cui, se il cane fa la cacca per terra, io non pulisco. Perché se invece sapessero che sono vera, nessuno potrebbe scrivere che io, a due mesi dalla morte del mio compagno, rido e sto bene”.

Amare di nuovo, però, non è stato facile: “È un lavoro quotidiano. Tenere insieme il ricordo e l’amore di chi c’era con quello per chi c’è. Certi giorni viene meglio, certi giorni è più difficile. Rimane tutto del passato, ma la vita apre spiragli in cui le cose entrano e ti danno la forza di andare avanti. Non è un lavoro solo mio, ma anche di Domenico e di Sophie. È un grande sforzo che ha i suoi lati difficili e anche quelli belli, naturalmente. È un flusso, non un lieto fine”.