Gossip News » Primo Piano » Alessia Marcuzzi pronta per condurre “La Scimmia”

Alessia Marcuzzi pronta per condurre “La Scimmia”

 

ALESSIA MARCUZZI – Mentre  Roberto Vecchioni si adopera per apporre un francobollo intellettuale alla prossima edizione di Amici, Alessia Marcuzzi si accinge a sbarcare su we con un reality show educativo: La Scimmia, che solo successivamente sarà trasmesso su Canale 5

La data di inizio per la trasmissione via etere,  è stata fissata per ottobre, a un mese di distanza dalle celebrazioni per il primo compleanno di Mia, figlia della Marcuzzi e di Francesco Facchinetti.

La prima sarà la conduttrice del programma, mentre Facchinetti figurerà come collaboratore.

Il programma prevede che alcuni ragazzi provenienti da condizioni di disagio, possano portare a termine gli studi frequentando una vera e propria scuola.

“Stiamo girando l’Italia da Nord a Sud per i colloqui. Un’esperienza umana, già questa bellissima, perché ci stiamo imbattendo in storie di ogni genere. L’idea è di dare una seconda possibilità a ragazzi che hanno voglia di rimettersi in gioco. Ci saranno degli studenti che per motivi personali, familiari, più o meno gravi, non sono riusciti a fare il quinto anno. Non premieremo soltanto la bravura scolastica ma anche l’impegno. Le tipologie dovrebbero essere tre: il più bravo, chi si è impegnato di più, pur magari essendo partito con qualche passo indietro e anche chi è preferito dal pubblico. Verrà dato ampio spazio all’educazione civica, che si è andata perdendo. Ci sarà il confronto tra i giovani e dovrà esserci il rispetto per tutti. Ci saranno la musica e anche un maestro d’orchestra. Cercheremo di intercettare grandi personaggi ma non per fare audience. Un’ora con Benigni in classe, ha idea di quanto possa formare? Gli studenti alla fine sosterranno l’esame di Stato in un istituto pubblico. Ci sarà la maturità nostra, chiamiamola televisiva, poi quella vera e propria. Stiamo comunque cercando di trovare prof che sano vicini agli alunni” dichiara Facchinetti.

Riusciranno i nostri eroi nell’impresa?