Gossip News » Primo Piano » Leonardo Greco e Diletta Pagliano: non renderemo più pubblica una crisi

Leonardo Greco e Diletta Pagliano: non renderemo più pubblica una crisi

UOMINI E DONNE – Questa estate si parlava di crisi tra Leonardo Greco e Diletta Pagliano, la coppietta nata a Uomini e Donne nonostante i ripetuti Bubi Show. Dopo un paio di mesi, però, le divergenze si sono appianate e tra i due è tornato il sereno.

Su Visto (in uscita oggi), gli ex protagonisti di Uomini e Donne hanno rilasciato un’intervista in cui ammettono che rendere pubblica la crisi (tramite messaggi sui social network e interviste varie sulle riviste di gossip) non li ha certo aiutati ad affrontare al meglio la situazione.

Abbiamo sbagliato a rendere pubblica la nostra ultima crisi. Era un litigio per futili motivi, una rottura durata pochi giorni. In realtà non ci siamo mai lasciati ….. Quel qualcosa di importante, lo stiamo costruendo giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, mese dopo mese. E insieme siamo felici, tra alti e bassi.

E’ Leonardo a parlare. L’ex tronista ha vissuto malissimo i pochi giorni passati lontano da Diletta, e non vuole assolutamente ripetere l’esperienza.

Non possiamo promettere di non litigare mai  più, sarebbe impossibile per due testardi come noi, ma non cadremo più nel tranello di dare in pasto agli estranei i nostri momenti no, quelli in cui non riusciamo a gestire il nostro malessere. Non permetterò mai più a nessuno di fare insinuazioni su Diletta e sulla nostra storia. Quando siamo stati lontani tante persone mi hanno scritto insinuando che Diletta non si comportava bene, portandomi a fare pensieri di cui mi sono pentito un attimo dopo. Ma quando non sei sereno diventi vulnerabile e ogni pulce nell’orecchio diventa un tarlo.

Leonardo e Diletta confermano di volere ancora un figlio, una famiglia tutta loro.

Se ci si ama è inevitabile pensare a costruire una famiglia e anche noi ci pensiamo, Diletta sarebbe una mamma fantastica, ma… Intanto abbiamo ripreso a convivere a metà e per questo ci sentiamo già una famiglia.