Gossip News » Attualità » Striscia la Notizia – Giulia Calcaterra cambia versione: Il mio cane? Morte naturale

Striscia la Notizia – Giulia Calcaterra cambia versione: Il mio cane? Morte naturale

GIULIA CALCATERRA – Ricordate le polemiche relative ai presunti maltrattamenti agli animali di cui era accusata Giulia Calcaterra, nuova velina bionda di Striscia la Notizia? La giovane modella è stata accusata di aver fatto sopprimere il proprio Rottweiler con la scusa di non avere più tempo per lui, e in alcune foto postate su Facebook gli animalisti avevano notato che il cagnone non aveva un aspetto sano e curato.

Sì, è vero, ho fatto sopprimere il mio cane” ha ammesso Giulia qualche giorno fa al Corriere di Novara “è stato fatto sopprimere per una malattia accertata e certificata dal veterinario. Ho fatto davvero di tutto per far sì che questo non dovesse accadere. Purtroppo non riconosceva più me come padrona: mi ha aggredita e ha aggredito anche mio fratello“.

Oggi però arriva una parziale smentita. La velina, in un’intervista all’associazione animalista AIDAA, ha cambiato leggermente versione. “Abbiamo chiamato il canile, ma non lo hanno voluto nemmeno loro, allora ho messo un annuncio per farlo adottare” ha raccontato, aggiungendo però che il cane sarebbe poi morto per una torsione intestinale, quindi di morte naturale. L’animale sarebbe arrivato nello studio del veterinario (che dista 40 km dalla casa di Giulia) già senza vita.

Eppure quando veniva accusata di aver ucciso il suo cane, la stessa Calcaterra assicurava, su Facebook, che l’animale stava benissimo e che era stato addirittura adottato da un’altra famiglia. Per spiegare questa contraddizione la velina ha dichiarato che in realtà la sua famiglia possiede due cani, e quando diceva che il suo cane scorrazzava felice in giardino si riferiva all’altro animale.

A quanto sostiene Giulia, esisterebbero dei documenti firmati dal veterinario che testimoniano il fatto che il Rottweiler sarebbe morto per una torsione intestinale, ma bisogna attendere l’ok del suo ufficio stampa per poter visionare le prove.