Gossip News » Primo Piano » Hollyfood, esclusiva Emanuela Folliero: “Mai conquistato un uomo con la cucina”

Hollyfood, esclusiva Emanuela Folliero: “Mai conquistato un uomo con la cucina”

HOLLYFOOD EMANUELA FOLLIERO – Il 5 novembre, su La5 alle 18.45, è partito il nuovo programma culinario, Hollyfood, condotto da Emanuela Folliero. Il format nasce da un’idea di Emanuela Folliero e unisce il cinema alla cucina. In ogni puntata, la conduttrice, con l’aiuto dello chef Roberto Valbuzzi, riproporrà piatto di un famoso film: dal Sandwich all’americana di Harry ti presento Sally ai Cannelloni ai funghi e prosciutto del vecchio campione di Rocky Balboa, fino alle Uova strapazzate alla Na’vi del kolossal Avatar. Noi di Sologossip.it, per conoscere più da vicino questo nuovo format, abbiamo intervistato il produttore, Riccardo Pasini e la conduttrice Emanuela Folliero per scoprire il suo rapporto con la cucina.

Come è nata l’idea di un programma in cui unire cinema e cucina?

Riccardo Pasini: “Non vi è mai capitato che vi venisse l’acquolina in bocca guardando la scena di un film dove compare un gustossimo piatto?! A me sì, ed amando la cucina molte volte l’istinto è stato quello di alzarmi e andare a svaligiare la dispensa. L’idea nasce da Emanuela Folliero che ha preferito non accontentarsi del barattolo di cioccolata, ma addirittura di mettersi ai fornelli e ricreare quelle prelibatezze. Prodotto ha fatto il resto inventando il format che oggi vedete su La5″.

Cinema e cucina è un binomio che funziona spesso, se l’esperimento su La5 dovesse andar bene pensa che si potrebbe tentare il salto su canale 5?

Riccardo Pasini: “La5 è una splendida realtà, soprattutto per il bel gruppo di lavoro che la anima. Canale 5 è la sua sorella maggiore quandi, stando sempre in famiglia, dove Mediaset chiama noi ci saremo”.

La tv è piena di programmi culinari, da La prova del cuoco ai Menù di Benedetta, cosa pensa abbia di nuovo e diverso HOLLYFOOD per riuscire a catturare l’attenzione del pubblico?

Riccardo Pasini: “Hollyfood è prima di tutto un programma di intrattenimento,dove si gioca e ci si diverte in cucina. questa è la sua forza: non ci si prende sul serio e si appaga la vista e il palato”.

Dopo qualche informazione tecnica sul programma, siamo curiosi di conoscere il rapporto di Emanuela Folliero con la cucina, se ha mai usato le sue doti culinarie per conquistare un uomo.

Che rapporto ha con la cucina?

“Il mio rapporto con la cucina nasce sia da piccola, all’età di 10-12 anni. Fin da bambina stavo con mia mamma in cucina e ‘pasticciavo’. Ho lasciato perdere i fornelli durante l’adolescenza, ma la buona cucina mi è sempre piaciuta. Ho imparato veramente a cucinare quando sono andata a vivere da sola, a 25 anni, semplicemente sperimentando”.

Ha mai usato le sue doti culinarie per conquistare un uomo?

Per conquistare un uomo no. Posso dire però che gli uomini sono sempre stati affascinati dalla mia passione e capacità in cucina e dal fatto che amassi molto stare in casa, nonostante fossi una donna che lavora nel mondo dello spettacolo e che frequenta certi ambienti”.

Se sì, con quale piatto ha conquistato il suo attuale fidanzato?

 “Lui ama molto il cioccolato, perciò ho preparato una torta Sacher al cioccolato con le nostre iniziali scritte sopra”.

A sperimentare in cucina sono spesso le mamme alle prese con i capricci dei propri bambini, che tipo di mamma è in cucina?

 “Andrea, come credo tutti i bambini, è abitudinario e per fargli provare nuovi sapori cerco di ‘camuffare’ ingredienti diversi, ad esempio preparo i ravioli con dentro gli spinaci, oppure delle carotine tagliate in un certo modo che diventano ‘l’aperitivo dei conigli’. Cerco sempre di inventarmi cose nuove per stuzzicarlo. Ad esempio preparo piatti con cose da mangiare un po’ diverse e presento il cibo come un gioco, magari sopra disegno le faccine con gli ingredienti”.

Oltre a Hollyfood, ci sono altri progetti futuri a cui stai lavorando?

 “Sto lavorando a un altro progetto che si chiama ‘Come nuova’. Parlerà di benessere interiore ed esteriore attraverso l’estetica e la chirurgia”.