Gossip News » Bellezza » Nina Moric a Verissimo: mi sono sgonfiata le labbra, sembravo un vecchio trans

Nina Moric a Verissimo: mi sono sgonfiata le labbra, sembravo un vecchio trans

NINA MORIC – “Sono nata bella, perché devo morire cesso?” si chiede Nina Moric, ospite della Toffanin a Verissimo. La showgirl si riferisce ai tanti ritocchini (non molto -ini) a cui si è sottoposta negli ultimi anni che l’hanno portata a sembrare una caricatura di se stessa. Sempre più depressa e insicura dopo il fallimento del suo matrimonio con Fabrizio Corona, la Moric si è lasciata sedurre dall’opportunità di nascondersi dietro a una maschera di silicone:

Avevo accanto uomini che mi rendevano insicura come succede ad un’anoressica. Avevo bisogno di mettere sempre qualcosa in faccia perché non mi sentivo mai a posto. Adesso ho incontrato un medico che mi ha tolto tutte quelle cose che avevo messo.

La modella se ne è resa conto: “Sembravo un vecchio trans“. Pur rimanendo a favore della chirurgia estetica, Nina ha capito che il troppo stroppia. Anche perché certi problemi si affrontano in ben altro modo:

Ho sofferto di depressione. Ti senti solo, abbandonato da tutti. Io ho superato tutto grazie a mio figlio e ad uno psicoterapeuta ed un prete, che mi ha consigliato di chiamare Gesù nel mio cuore.

Come al solito, la Moric ha riservato qualche parola alla sua storia d’amore con Fabrizio Corona con il quale non c’è stato alcun ritorno di fiamma, come si vocifera da quando lui è tornato single.

All’inizio Fabrizio era una persona diversa, con dei valori, poi lui è cambiato, mentre io sono rimasta la stessa. Non potrei più stare con lui, siamo troppo diversi oggi, diversi nella mentalità, nei valori e nell’educazione. Io non sono fragile, io sono vulnerabile e sensibile. Sono io che proteggo Fabrizio. E’ lui che ha bisogno di me.

Insomma niente minestra riscaldata. Fabrizio e Nina però, rimarranno sempre legati l’uno all’altra grazie al piccolo Carlos.

Sono e sarò sempre legata a Fabrizio perché mi ha dato la cosa più bella del mondo: mio figlio.