Gossip News » Primo Piano » Giuseppe Schisano è Vittoria: “Donna da sempre”

Giuseppe Schisano è Vittoria: “Donna da sempre”

GIUSEPPE SCHISANO – Giuseppe Schisano ha lasciato il posto a Vittoria. L’attore, noto volto televisivo e cinematografico, ha raccontato la sua nuova vita a Domenica Live: “Parlo di Giuseppe in terza persona, come di un fratello che è partito e grazie al quale Vittoria ora è solare e vive serena”.

Sin da bambino, Giuseppe sente il desiderio di voler fare l’attore e di essere donna: “A cinque anni dicevo di voler fare l’attore, per non dire voglio fare l’attrice, perché in realtà vedevo Sofia Loren e sognavo di interpretare un giorno quei ruoli».

Poi la consapevolezza di essere diverso dalla propria sessualità: «Ci sono persone che nascono in un corpo sbagliato, ma nessuno ce lo dice e ce lo insegna da piccoli, né la famiglia né la società. Ho iniziato a capire che mi sentivo imprigionata in un corpo che non era il mio da sempre. Ma ho iniziato a dirmelo l’anno scorso. Del resto, i miei punti di riferimento erano mia madre e mia sorella, a cui rubavo i rossetti di nascosto, e non mio padre”.

Costretto a recitare anche nella vita vera: “Lavorando come attore, cercavo di esorcizzare Vittoria e di riconoscermi sempre di più nella mascolinità. Ma quando mi guardavo in faccia, impazzivo. Giuseppe, insomma, era costretto a recitare in continuazione, nella vita di ogni giorno, e lo faceva anche con finte fidanzate”.

Continuava a chiedersi se era omosessuale: “Quando provavo un desiderio, lo provavo per un uomo. Ho pensato di essere omosessuale, ma poi, le analisi hanno dimostrato che avevo il 70% di ormoni femminili dalla nascita. Non ho il pomo d’Adamo e sono nata con un’ovaia atrofizzata. Si pensa che fosse un parto gemellare da cui è nato un solo feto. Ma non mi sono mai sentita con una doppia sessualità: mi sono sempre sentita solo una donna, fisicamente e psicologicamente, nel corpo e nell’anima”.

I genitori hanno capito la sua scelta: “Mia madre doveva fare il funerale a suo figlio per fare nascere sua figlia. È stato molto doloroso, ma adesso parlo con lei come un’amica vera. Quando mio padre mi ha visto la prima volta così, con la gonna e i capelli lunghi, mi ha scambiato per mia sorella. Gli ho detto: ‘No, papà. Sono Vittoria’. E lui mi ha risposto: ‘Sei bellissima’». E con le lacrime agli occhi: “È stato così bello, sentirglielo dire”.