Gossip News » Primo Piano » Federico Corona: “Fabrizio in carcere ha lo sguardo perso nel vuoto”

Federico Corona: “Fabrizio in carcere ha lo sguardo perso nel vuoto”

FEDERICO CORONA – Fabrizio Corona in carcere da sei giorni. Sono già passati otto giorni da quel 23 gennaio quando Fabrizio Corona, dopo una fuga di quattro giorni, ha deciso di costituirsi, ponendo fine al suo stato di latitanza. Da venerdì 25 gennaio, Fabrizio Corona si trova nel carcere di Busto Arsizio dove pare abbia si sia trasformato in un detenuto modello. All’esterno del carcere, però, continuano le discussioni sul “caso Corona“. I fans si mobilitano organizzando manifestazioni e petizioni mentre parenti e amici cercano di difenderlo da chi lo sta descrivendo come un criminale.

Dopo l’appello della mamma Gabriella a Verissimo, è il turno del fratello minore Federico, colui a cui Fabrizio Corona ha guidato la direzione del suo portale Social Channel e tutte le sue attività. Proprio Federico Corona, ai microfoni di Porta a Porta, nella puntata dedicata alla vicenda di Fabrizio Corona, ha voluto sottolineare l’ingiustiza della pena inflitta al fratello.

Quando ho visto le immagini di Fabrizio, ho capito che stava andando incontro ad un calvario per tutti gli amici e la famiglia. E’ una rivendicazione di qualcuno che usa poteri forte. La verità, custodita solamente dagli addetti ai lavori, è che il sistema funzionava così e non era l’unico. A pagare, però, è solo lui. Mio fratello è vittima del suo personaggio. Questa linea borderline l’ha rovinato ed spinto ad essere il capo ispriatorio di tutto. A giorni, il caso Corona si sgonfierà e passerà nel dimenticatoio. Faremo rumore, raccoglieremo firme, promuoveremo iniziative nei limiti della legge. Sono andato a trovarlo in carcere ed era con lo sguardo perso nel vuoto. Non è innocente ma nemmeno del tutto colpevole. Voglio rivolgergli un messaggio: ‘Fabrizio, il tuo ufficio e le persone che ti conoscono sono con te… faremo qualsiasi cosa perché questa situazione si risolva’. Fabrizio dovrebbe fare le pene alternative o i servizi sociali. Non è un criminale e non puo’ stare in mezzo a loro”.