Gossip News » Attualità » Miss pestata dal fidanzato rischia la morte ma lo perdona: “Vorrei abbracciarlo”

Miss pestata dal fidanzato rischia la morte ma lo perdona: “Vorrei abbracciarlo”

Quando leggiamo di episodi di cronaca nera come quello che vede protagonista la piccola Fabiana, accoltellata e poi bruciata viva dal fidanzato geloso, ci chiediamo come sia possibile che queste cose continuino ad accadere. E poi leggiamo di donne come Rihanna, che nonostante sia stata pestata a sangue dall’ex Chris Brown ci è tornata insieme, o come Rosaria Aprea, Miss Yatch Club 2010, pestata (quasi) a morte dal fidanzato e pronta a perdonarlo.

Intervistata dal settimanale Visto, la giovane modella di Macerata, 20 anni, ha raccontato l’episodio di violenza domestica che l’ha vista protagonista. Antonio Caliendo, 27 anni, imprenditore di Casal di Principe, l’ha ridotta in fin di vita a suon di botte per gelosia. Lui, il padre di suo figlio (il piccolo Mauro ha solo un anno), le ha letteralmente spappolato la milza a calci.

Antonio non voleva che uscissi di casa senza di lui, perché era geloso, abbiamo discusso, poi è passato alle vie di fatto” racconta Rosaria. “Mi ha colpita più volte, poi è arrivato quel calcio più forte alla pancia” ricorda la giovane mamma, che si è salvata grazie alla madre, che è intervenuta appena ha ricevuto la chiamata della figlia. “Ho dolori dappertutto. I medici mi rassicurano: dicono che sto migliorando, che le cose vanno bene, mi danno coraggio. Ma io non riesco a muovermi, quasi non riesco a respirare. E la pancia mi fa un male terribile. Nemmeno con gli anestetici riesco a placare il dolore. Di notte è un incubo” si lamenta Rosaria.

Per Antonio intanto è stato disposto in fermo cautelare: l’imprenditore è accusato di tentato omicidio. “Antonio è sempre stato geloso e violento, anche domenica è scattato quasi subito” ha ammesso la ragazza. Quindi, oltretutto, non si è trattato nemmeno di un episodio isolato.

La frase che colpisce di più dell’intera intervista? Ve la mettiamo in neretto perché è questa la risposta alla domanda che ci siamo posti in apertura, e cioè “Come è possibile che il femminicidio sia ancora tanto frequente?”.

“L’ho già perdonato, nonostante quel che mi ha fatto. E anche se la gente penserà che sono pazza, ora vorrei tanto abbracciarlo…”