Gossip News » Attualità » Venezia: arriva il sex toy per le star che funziona come la wii

Venezia: arriva il sex toy per le star che funziona come la wii

VENEZIA IL SEX TOY DEI VIP – In una Venezia addobbata a festa per la mostra del cinema fa scalpore la presenza di sex toy creati per i vip che in questi giorni si trovano in Laguna. L’oggetto più trendy e famoso della 70a edizione del festival di cinema più antico del mondo, quest’anno, è un vibratore dai nomi esotici come Soraya, Isla, Alya e Lila.

Esposti insieme agli altri sponsor, i vibratori dello svedese Lelo sono perfettamente in linea con l’anima più glamour del festival: tecnologici, innovativi, chic e decisamente non per tutte le tasche. “Vogliamo sdoganare gli oggetti erotici dalla volgarità cheap dei sexy shop – spiegano allo stand della ditta, che espone anche a Parigi nella prestigiosa Galleria Lafayette – realizzando prodotti discreti e non immediatamente riconoscibili, da vendere nei negozi di design o portare in tour nei luoghi di cultura”.

Il pezzo forte della collezione è il modello Tiani, un vibratore per lei ma anche per lui (grazie a una speciale protesi in silicone), dotato di un telecomando attivo fino a venti metri e in grado di regolare l’intensità della vibrazione attraverso l’oscillazione della mano. “Funziona come il telecomando della Wii, la consolle per videogiochi”, spiegano alla Lelo. “L’idea è quella di coinvolgere l’uomo nell’uso di un l’uomo nell’uso di un oggetto da sempre considerato esclusiva del piacere femminile. Il telecomando serve anche a questo, a dargli l’illusione del potere”.

Il modello più richiesto a Venezia è il modello Soraya, un capolavoro di design della ditta, in silicone medico, colori brillanti, due “punti di piacere” e struttura interamente waterproof: 140 euro al pezzo, ma “l’eleganza si paga“.

A Venezia i vibratori stanno avendo molto successo. I vip apprezzano anche se non tutti mostrano la stessa disinvoltura: “Molti attori vengono a trovarci, ci fanno i complimenti per l’idea ma se ne vanno senza prendere nulla. Poi dopo un po’ arrivano le loro fidanzate e si portano via tutto”.