Gossip News » Attualità » Disoccupato scrive una lettera a Berlusconi: poco dopo riceve 50mila euro

Disoccupato scrive una lettera a Berlusconi: poco dopo riceve 50mila euro

 

SILVIO BERLUSCONI DONA 50MILA EURO A UN DISOCCUPATO – Il protagonista di questa storia che sembra tratta da un classico film di Natale è un disoccupato di 45 anni di Pordenone ma residente a Roma e si chiama Mario Padovan che presto diventerà padre anche di due gemellini. A raccontare la vicenda è stata la moglie dell’uomo, Tommasina Pisciottu che racconta di aver ricevuto da Silvio Berlusconi tre assegni circolari da 15mila euro dopo aver inviato al Cavaliere un biglietto di sfogo.

«So che tanti dicono che i soldi non sono tutto e non fanno la felicità – racconta la signora Pisciottu al Gazzettino.it – ma quando ti trovi alla soglia degli “anta”, senza lavoro e con due bambini in arrivo, i soldi ti servono e come».

Signora Pisciottu, ci racconti questa storia.

«Nè io nè mio marito abbiamo un lavoro. Lui è stato licenziato per la crisi ed è caduto in una profonda crisi depressiva. Ai primi di dicembre ho scritto una lettera di auguri di Natale al Presidente Berlusconi nella quale raccontavo la mia vita e la mia storia. Qualche giorno fa mi arriva una lettera da villa San Martino. L’ho aperta con il cuore in gola e all’interno della busta ho trovato un biglietto di auguri e tre assegni circolari per un valore di euro 50mila intestati a me che abbiamo già incassato».

Sarà quasi svenuta: è una cifra mica da ridere.

«Sì, non ci sono parole per descrivere quello che ho provato. Vi dico solo che ai miei figlioli, quando cresceranno, continuerò a dire che Babbo Natale esiste».

Chiamerà Silvio uno dei due pargoli in arrivo?

«Non abbiamo ancora pensato a questa possibilità (ride, i piccoli nasceranno a maggio, ndr). Sono consapevole che molti di voi giornalisti non amate Berlusconi ma, al di là di quello che può aver fatto o non fatto, con me è stato un uomo meraviglioso e generoso, al contrario di tanti altri che potevano fare qualcosa e non hanno fatto nulla».