Gossip News » Primo Piano » Manila Nazzaro, ex Miss Italia: “Malata da due anni senza saperlo”

Manila Nazzaro, ex Miss Italia: “Malata da due anni senza saperlo”

MANILA NAZZARO MALATA – L’ex Miss Italia, Manila Nazzaro, dalle pagine del settimanale Diva e Donna, racconta il suo calvario, durato due anni, prima che qualcuno si accorgesse della sua malattia: “Io ero malata da più di due anni senza saperlo nessuno riusciva a capire cosa avessi.Sembravo “Wonder women” – ha dichiarato a “Diva e donna” – non dormivo, mangiavo poco, facevo ore di palestra, ero perennemente attiva senza stancarmi mai. Ora so che ero iperattiva per il surplus di ormoni messi in circolo dalla tiroide, a causa di questa malattia. L’ho scoperto a maggio, in fase quasi terminale, quando non si poteva più curare solo con i farmaci”.

L’intervento è stato fondamentale: “L’operazione mi ha salvata (…)oltre alla paura per l’intervento e per la cicatrice sulla gola, che è il meno e che presto spero di fare rimuovere perché è troppo evidente, l’intervento di asportazione della tiroide mi ha graffiato le corde vocali, facendomi preoccupare per il lavoro: ma ora mi sto riprendendo del tutto. A quattro mesi dall’intervento sono più serena, solare, e meno stressata, anche se dipenderò dai farmaci a vita”.

Manila si sta curando grazie all’aiuto della famiglia e dei figli: “I miei figli: sono un vero dono di Dio. Quando Franceschino mi ha portato una rosa in ospedale mi sono sciolta! Tornata a casa facevo molta fatica a gestirli da sola, ancora instabile fisicamente e psicologicamente com’ero. Per fortuna ho avuto vicino i miei, venuti dalla Puglia, papà Gianmarco e soprattutto mamma Teresa: solo una donna può capire davvero gli sconvolgimenti ormonali di un’altra donna e cosa si prova. Mio marito Francesco mi ha dato una grossa mano con i bambini”.

Accanto a lei, però, non è mancata un’amica speciale: “È stata poi una vera amica Veronica Maya, che mi ha voluta con sé nel suo “Verdetto finale”, che ancora aveva la benda sulla gola. Mi ha detto: “Viene, ti aiuto io!”. Avevo ancora la voce affaticata dall’intervento e lei mi ha aiutata”.