Gossip News » Attualità » L’Italia è un Paese da terzo mondo rispetto alla Danimarca!

L’Italia è un Paese da terzo mondo rispetto alla Danimarca!

danimARCA

L’ITALIA E’ UN PAESE DA TERZO MONDO RISPETTO ALLA DANIMARCA – Da anni, ormai, gli italiani vivono una situazione di disagio sia dal punto di vista economico che dal punto di vista sociale. Nel nostro Paese, infatti, manca non soltanto il lavoro ma anche tutti quei servizi che in un Paese civile dovrebbero essere offerti gratuitamente ai propri cittadini soprattutto se le tasse che i cittadini pagano sono davvero alte.

E così diventa attualissimo un articolo sulla Danimarca pubblicato dal sito Italianweb. Si tratta di un articolo in cui vengono messe in luce le differenze sostanziali tra il sistema italiano e quello danese. In Italia si paga tutto, anche quando deve nascere un bambino: dagli esami del sangue alle ecografie fino alle visite specialistiche. In Danimarca, invece, ogni esame è completamente gratuito. Non solo le mamme prendono la maternità ma lo stato dà anche la paternità ai padri.

In Danimarca, inoltre, non si paga la tassa sulla prima casa. In DANIMARCA non esiste il sostituto di imposta, i lavoratori dipendenti percepiscono la paga lorda e compilano una dichiarazione dei redditi di 2 paginette senza commercialista, CAF e menate varie. In DANIMARCA ci sono -20 gradi d’inverno, ma nelle case ci sono 25 gradi perchè ilriscaldamento delle abitazioni si fa con le acque reflue delle fogne depurate, inviate nelle abitazioni sfruttando come fonte energetica il gas prodotto. La spesa di una famiglia di 3 persone per scaldare un ambiente di 100 mq. per un anno è di 150 euro”.

In Danimarca tutti i ministri girano in bicicletta e chi gira in automobile deve pagare delle tasse altissime. In DANIMARCA un operaio guadagna l’equivalente NETTO di 2.500 euro e un direttore di banca non supera i 7.000. In DANIMARCA, lo stato paga gli studenti perché lo studio è considerato un lavoro. Ogni studente, infatti, riceve dallo stato circa 700 euro al mese. E se nei 12 mesi successivi alla laurea lo studente non riesce a trovare lavoro, lo Stato continua a sostenerlo”.

“E’ vero che la vita in DANIMARCA costa di più ma è anche vero che un laureato, semplicemente con il suo primo lavoro percepisce quasi 4.000€ al mese, NETTI”. In DANIMARCA, comunque, nessuno guadagna meno di 2.500/2.700€ al mese. In Danimarca, inoltre, nessuno ruba niente. Le mamme con i bambini nei passeggini, quando vanno a fare shopping, entrano nei negozi, e lasciano i piccoli parcheggiati fuori, loro con calma scelgono i capi, se li provano, li pagano ed escono fuori a riprendere i passeggini, lo fanno per non far subire ai piccoli gli sbalzi termici in modo che si ammalano di meno, ma non è mai sparito un bambino in Danimarca!”.

E in Italia quale mamma si sognerebbe di lasciare da soli i propri bambini?

Insomma, se fosse tutto vero, l’Italia sarebbe un Paese da terzo mondo!