Gossip News » Attualità » Brandon, va in pensione a soli 32 anni: ecco come ha fatto

Brandon, va in pensione a soli 32 anni: ecco come ha fatto

Brandon Sutherland è un ragazzo americano che ha deciso di andare in pensione a soli 32 anni e godersi il resto dei suoi giorni. Ha già programmato tutto e quando lascerà il suo lavoro di sviluppatore di software starà talmente bene dal punto di vista economico da non aver bisogno di cercare un’altra occupazione.

brandon baby pensionatoLA STORIA DI BRANDON

Credo che il mio portafogli sarà abbastanza pieno da finanziare le mie spese essenziali per almeno i prossimi 30 anni, se non a tempo indeterminato, in modo da non dovere impazzire per cercare un lavoro e rendere la cosa un’opzione piuttosto che una necessità”, ha scritto Brandon su un blog finanziario.

Il baby pensionato, poi, spiega come è riuscito ad accumulare tutte le sue ricchezze: “Ho costruito il mio gruzzolo semplicemente guardando le mie spese e investendo più del mio stipendio. Attualmente sto investendo oltre il 70% del mio reddito netto nella mia pensione e nei conti di investimento passivi”.

La svolta è arrivata nel 2011 quando, casualmente, Brandon si imbatte in Early Retirement Extreme, un sito web che spiega quanto sia importante risparmiare: “Ero già un buon risparmiatore, ma quello che ho letto sul sito mi ha incoraggiato a farlo ancora di più. Quello che dovevo fare era risparmiare e investire fino a raggiungere almeno 25 volte le mie spese annuali. La strategia migliore per me, sia dal punto di vista del risparmio che da quello fiscale, era quella dei conti pensionistici e delle agevolazioni fiscali, tra cui 401(a) e 403(b), entrambi tipi di piani a contribuzione definita, offerti dal mio datore di lavoro, oltre ad un conto di risparmio di salute”.

Preferisco fare investimenti passivi. Diversi studi hanno dimostrato che, nel lungo termine, questo tipo di investimento risulta migliore di quelli attivi. Così investo la maggior parte dei miei soldi in fondi indicizzati diversificati. Attualmente ho il 75% in azioni americane, 10% in attivi internazionali, 10% in fondi comuni di investimento immobiliare e il 5% in contanti”.

Brandon, infine, ha già un piano qualora le cose dovessero andare diversamente da quello che pensa: “Probabilmente non lavorerò mai più però se con mia moglie decidessimo di avere una famiglia, o se il mercato finanziario dovesse andare incontro a turbolenze simili a quelle del 2008, 2009, potrei pensare di tornare a lavorare un paio d’anni, giusto per aumentare nuovamente il mio bilancio”.