Gossip News » Attualità » Cancro al seno: ecco le sostanze chimiche de evitare per non ammalarsi

Cancro al seno: ecco le sostanze chimiche de evitare per non ammalarsi

Il cancro al seno è la malattia che maggiormente colpisce le donne ed è il responsabile dell’alto tasso di mortalità del genere femminile. Nonostante le numerose ricerche nel settore, tuttavia, il cancro al seno continua a colpire un gran numero di donne in tutto il mondo anche se le possibilità di guarigione, rispetto al passato, sono aumentate. Gli esperti, per scongiurare il pericolo di ammalarsi di cancro al seno, rilasciano una serie di raccomandazioni per uno stile di vita sano ma oggi, una nuova ricerca ha individuato una serie di elementi chimici che sarebbero responsabili dello sviluppo del cancro al seno.

cancro-al-senoCANCRO AL SENO: LE SOSTENZE CHIMICHE DA EVITARE PER NON AMMALARSI

Gli scienziati americani hanno individuato le sostante chimiche più cancerogene che le donne dovrebbero evitare per ridurre il rischio di ammalarsi di cancro al seno. La ricerca è stata pubblicata dalla rivista Environmental Health Perspectives ed elenca le 17 sostanze cancerogene molto pericolose per la salute delle donne e offre consigli su come comportarsi in presenza di tali elementi.

Si tratta di prodotti chimici come benzina, gasolio e altre sostanze emesse dalle autovetture, così come di ignifughi, tessuti antimacchia, solventi, vernici e derivati di disinfettanti utilizzati nel trattamento dell’acqua potabile.

Questa ricerca offre una roadmap per la prevenzione del cancro al seno identificando prodotti chimici a cui le donne sono più spesso esposte e mostra anche come misurare tale esposizioneha spiegato l’autore dello studio, Ruthann Rudel, direttore della ricerca al Silent Spring Institute del Massachusettsqueste informazioni indirizzeranno le iniziative volte a ridurre l’esposizione ai prodotti chimici legati al cancro al seno e aiuteranno i ricercatori a studiarne gli effetti sulle donne”.

Il cancro al seno è la seconda causa di morte tra le donne negli Stati Uniti. Dall’inizio del 2014 ad oggi si contano circa 40mila casi di decesso.