Gossip News » Attualità » Yara Gambirasio: l’assassino è il muratore Massimo Bossetti

Yara Gambirasio: l’assassino è il muratore Massimo Bossetti

Dopo quattro anni, l’assassino della tredicenne Yara Gambirasio, uccisa il 26 novembre 2010 a Brembate di Sopra, nel bergamasco, è stato trovato. Si tratta di Massimo Bossetti, muratore incensurato di Clusone. Il presunto assassino è stato sottoposto al fermo e in questo momento è sotto interrogatorio.

yara gambirasio assassinoYARA GAMBIRASIO: L’ASSASSINO è MASSIMO BOSSETTI

Massimo Bossetti, figlio illegittimo dell’autista di Gorno , Giuseppe Guerinoni, morto a 61 anni nel 1999, è stato catturato dai carabinieri del Ros, in collaborazione con la polizia. L’uomo è padre di tre figli. A dare l’annuncio è stato il ministro degli Interni, Angelino Alfano:

Le Forze dell’Ordine, d’intesa con la Magistratura, hanno individuato l’assassino di Yara Gambirasio. Nelle prossime ore saranno forniti maggiori dettagli. Ringraziamo tutti, ognuno nel proprio ruolo, per l’impegno massimo, l’alta professionalità e la passione investiti nella difficile ricerca di questo efferato assassino che, finalmente, non è più senza volto. “L’Italia è un Paese dove chi uccide e chi delinque viene arrestato e finisce in galera. Può passare del tempo o può finirci subito. Ma questo è il destino che attende i criminali. Oggi, due successi che dedichiamo ai familiari delle vittime e agli italiani onesti”, ha concluso il ministro dell’Interno, Angelino Alfano.

Massimo Bossetti, per il momento, è solo sospettato. Nei suoi confronti non è stato emesso nessun provvedimento se non il fermo. “Siamo in una fase delicatissima“, si è limitato a dire il procuratore della Repubblica di Bergamo, Francesco Dettori.

Il sindaco di Brembate Sopra, alla notizia del fermo di un presunto responsabile per l’omicidio di Yara Gambirasio, ha dichiarato quanto segue: “Se è vero siamo felici, era un atto dovuto alla famiglia e a tutta la comunità. Da quando è scomparsa da casa, a Brembate, e da quando è stata trovata uccisa a Chignolo Po (Bergamo), attendevamo questo momento. Ringrazio tutti quelli che hanno messo tante risorse in campo per arrivare a questo risultato”.