Gossip News » Primo Piano » Berlusconi servizi sociali a Cesano Boscone: ecco come sconta la pena (VIDEO)

Berlusconi servizi sociali a Cesano Boscone: ecco come sconta la pena (VIDEO)

Berlusconi servizi socialiBERLUSCONI SERVIZI SOCIALI – Quando avete letto della condanna a Silvio Berlusconi vi siete immaginati l’ex Premier intento a pulire il deretano di qualche vecchietto e a inseguire la sciura Maria che non voleva prendere la pillola?

Grazie alle riprese del giornalista ed ex deputato dei Verdi (oggi iscritto al Pd) Stefano Apuzzo, pubblicate in esclusiva da Repubblica.it e in versione integrale su Youtube (trovate il video in fondo a questo articolo) possiamo tranquillamente dire che l’ex Presidente del Consiglio non sta scontando certo una pena “troppo dura”.

Silvio Berlusconi servizi sociali soft

In camice bianco, decisamente tranquillo e rilassato, Silvio Berlusconi è stato ripreso mentre si godeva un tranquillo pomeriggio di riposo all’interno del padiglione San Pietro insieme agli ospiti dell’istituto Sacra Famiglia di Cesano Boscone. In sottofondo una mazurca, i malati di Alzheimer che guardano la tv, una di loro che gioca a carte con lui, personale e visitatori che si fermano a fargli un saluto e a scambiare quattro chiacchiere… Silvio Berlusconi sembra decisamente a suo agio.

Sia sul sito di Repubblica che in generale in rete, dove il filmato ha subito monopolizzato l’attenzione, si è molto discusso sulla violazione della privacy rappresentata da questo filmato. Lo stesso giornalista ammette di non aver chiesto al diretto interessato il permesso di pubblicarlo e di essere passato dalla clinica per caso (“un amico che ha la moglie ricoverata nell’istituto dove svolgo volontariato, mi ha pregato di verificare le condizioni di un paio di case di riposo per un ipotetico spostamento della congiunta”), per nulla intenzionato a riprendere il fondatore di Forza Italia nelle sue mansioni (?) pomeridiane.

Mi è sembrato che quelle immagini potessero essere di interesse pubblico, anche se ho sempre rifuggito e rifuggo la morbosa invadenza di molti colleghi e pseudo giornalisti, di paparazzi alla Corona” spiega Apuzzo sul suo sito. “Anche per questo motivo non mi sono permesso di disturbare Silvio Berlusconi, che per quanto mi riguardava, avrebbe anche potuto essere Pasquale Esposito, con domande o curiosità banali. Era li per svolgere un compito a favore di persone fragili e, obbligato o meno che fosse tale compito, mi appariva anti etico e inconcepibile irrompere o disturbare”.

Berlusconi servizi sociali: il video integrale