Gossip News » Primo Piano » Francesca Testasecca riduce il seno: “Mi sentivo volgare”

Francesca Testasecca riduce il seno: “Mi sentivo volgare”

Francesca Testasecca, ex miss Italia, non ha mai avuto un buon rapporto con la quinta che la natura le ha donato nonostante spesso abbia pubblicato sulla rete foto hot: “Mi sono sempre lamentata del mio seno grande. L’ho ereditato da mia madre: ero ancora piccola e già per me rappresentava un problema. Nella fase adolescenziale ero arrivata alla quarta taglia. Poi, crescendo, i miei seni sono aumentati a dismisura: rispetto alle mie coetanee, io sono stata sempre più appariscente, il che mi faceva soffrire. Non parliamo poi di quando praticavo sport. Mi vergognavo a farmi vedere con quelle forme così generose e, secondo me, anche sproporzionate. A poco a poco, però, ho imparato a convivere con questa parte del mio corpo. Poi è arrivata la vittoria a Miss Italia e il problema è passato in secondo piano”.

Francesca Testasecca decide di operarsi dopo “Ballando con le stelle”

Il problema è riemerso quando si è presentata l’opportunità di entrare nel cast di “Ballando con le stelle”. Tutto quel movimento in pista mi ha fatto capire che era giunta l’ora di risolvere la questione. Una volta per tutte… Quando indossavo una maglietta attillata e con un accenno di scollatura, mi pareva di essere volgare. Così è maturata in me l’idea di operarmi”. Francesca Testasecca si è operato il 16 aprile scorso: “Avevo soltanto paura che rimanessero molto visibili tutte le cicatrici” Ha dichiarato in un’intervista al Nuovo “Adesso, trascorso qualche mese, posso dire che non si vedono affatto”.

“Ero partita dalla quinta, ora indosso una quarta precisa perché il seno è ancora gonfio. Bisognerà aspettare ancora altri quattro mesi e arriverò alla terza abbondante. Mi sembra un sogno. Lo so che ci sono tante ragazze che fanno di tutto per ingrandirsi il seno e comprendo anche il loro desiderio, ma per me le forme generose sono state un tormento. Per fortuna la quinta oggi è solo un lontano ricordo”.