Gossip News » Primo Piano » Cesare Prandelli shock “Al ritorno dai Mondiali ho ricevuto minacce”

Cesare Prandelli shock “Al ritorno dai Mondiali ho ricevuto minacce”

Cesare Prandelli, ex allenatore della Nazionale di calcio italiana, si difende da tutte le brutture che vengono dette sul suo conto

cesare prandelliCesare Prandelli “Sono colpevole di aver fallito un progetto

Il nuovo allenatore del Galatasaray in un’intervista rilasciata al Corriere dello Sport a quanto pare non ci sta a sentire tutte le cattiverie sul suo conto e dice: “Dopo l’eliminazione dal Mondiale ho addirittura ricevuto lettere di minaccia. È vero, il mio progetto tecnico è fallito ma leggere articoli o vedere trasmissioni tv in cui vengo paragonato a personaggi che non voglio nominare (si riferisce a Schettino, il comandante che fece naufragare la nave da crociera Costa Concordia) è di un cinismo assoluto”.

E poi, con l’occasione, si toglie qualche sassolino dalla scarpa lanciando dardi velenosi diretti verso alcuni campioni di calcio italiano sui quali aveva puntato dicendo: “Balotelli? Nessun mistero, né reazioni. Il fatto è che Mario Balotelli (che ha avuto uno sfogo su Instagram) è uno che ha i colpi ma non è un campione determinante per la squadra. Gliel’ho detto: spero tu faccia tesoro di questa esperienza. Se uscirà dal suo mondo virtuale potrà essere ancora utile alla Nazionale. Rossi? Resta la mia più grande delusione personale. La sua reazione all’esclusione, intendo. Penso che un giorno anche lui dirà la verità”.

Poi prosegue parlando anche dell’aria che si respirava negli spogliatoi raccontandoFino al 19 giugno i rapporti erano ottimi, eravamo organizzati in simbiosi. Così come la preparazione: prima della Costa Rica tutto ok. Lo spogliatoio? Unito con le fragilità che talvolta emergono. Le parole di Rossi e Buffon? Destinate alle nuove generazioni per aiutarle a crescere. Cassano? Scelta che rifarei. Comunque superare uno shock simile non è facile”.

Nella sua intervista al Corriere dello Sport parla della sua scelta di dimettersi e dice “Mi sono dimesso perché mia era la responsabilità di un progetto fallito. Cosa avrei dovuto fare, aspettare e chiedere la buonuscita, all’italiana? Per quasi quattro anni ho ricevuto più di quel che meritavo. Chi verrà dopo di me dovrà lavorare per il calcio”.

E allora non ci resta che augura a Cesare Prandelli, nuovo allenatore del Galatasaray, un in bocca al lupo per questa sua nuova avventura…sperando porti più frutti di quelli raccolti con la maglia Azzurra. Buona fortuna!