Gossip News » Primo Piano » Negramaro,il sosia di Giuliano si aggira nel Salento beffando i fans

Negramaro,il sosia di Giuliano si aggira nel Salento beffando i fans

 

E’ accaduto domenica scorsa, il 20 luglio. In una località del Salento, fan scatenati dei Negramaro, la famosa band pugliese , ricevono autografi e sono conviti di aver conosciuto il loro beniamino. Giuliano Sangiorgi infatti, front man e voce dei Negramaro, viene avvistato in un lido di Otranto.

 

negramaro

Giuliano Sangiorgi – Negramaro

UN SOSIA DI GIULIANO, FRONT MAN DEI NEGRAMARO VA IN GIRO A FARE “BISBOCCIA” SCAMBIANDOSI PER IL CANTANTE

A quanto riportato, a dir la verità i suoi comportamenti sono apparsi sin da subito piuttosto inconsueti.

Il “finto Giuliano” infatti andava in giro pavoneggiandosi e godendo in modo inedito della sua fama.

Autografi a destra e manca e nessun rifiuto ad inviti vari, come quello di “bere qualcosa” . Pare infatti abbia usato davvero poca parsimonia nell’accettare svariati drink.

Il furbetto aveva quindi deciso di mettere a frutto la sua somiglianza fisica con Giuliano Sangiorgi, pensando di poter passare una ricca estate ” a scrocco” di fans beffati e presi in giro.

Il vero Giuliano è stato messo al corrente dell’accaduto e pare non l’abbia accolto molto bene al racconto degli avvenimenti.

Di tutta risposta però ha deciso di inviare un messaggio in cui sfoga molto educatamente la sua ira nei confronti dell’impostore, ma soprattutto mette in guardia i suoi fans, che abbraccerà proprio il prossimo sabato a Lecce.

Questo quanto scritto su Twitter dal cantante:

Per tutti i salentini e non: c’è uno che si spaccia per me, fa autografi e si fa offrire di tutto (cosa che non si addice né a me né a chiunque sia una persona per bene). Sappiate che io sono in tour e a Lecce sarò solo il 26 luglio per il nostro concerto allo stadio di via del mare… Ora, se in questi giorni mi vedrete per le spiagge del Salento a fare o dire cose che io non farei o direi mai, quello non sono io, ma un impostore! Ieri lo ha fatto in un noto lido di Otranto. Domani chissà?! Scusate ma basta!“.