Gossip News » Primo Piano » Uomini e Donne, Anna Munafò contro la redazione: ‘Avete mentito’

Uomini e Donne, Anna Munafò contro la redazione: ‘Avete mentito’

UOMINI E DONNE – Su canale 5, continua la messa in onda di Uomini e Donne e poi. In questi giorni sta andando in onda il trono di Anna Munafò che, però, sta creando scompiglio. In particolare, l’ex tronista siciliana non ha gradito i commenti di Raffaella Mennoia della Redazione e di Jack Vanore, opinionista del programma insieme a Gianni Sperti e a Tina Cipollari.

UOMINI E DONNE, ANNA MUNAFO’ CONTRO LA REDAZIONE

In particolare, a finire nel mirino di Anna Munafò è stato il seguente commento di Raffaella Mennoia: “Un trono pieno di dubbi, Anna non era mai convinta di niente quando si rapportava ad Emanuele“.

Anna Munafò, così delusa dalle parole della Mennoia, ha risposto in tono piuttosto duro pubblicando un video sulla sua pagina Facebook: “Bene o male purché se ne parli? A casa mia non funziona così…Sono sconcertata dalle parole che ho sentito, dette da chi poi? Da quelle persone che per sei mesi hanno cercato di sostenermi, consigliandomi sia nel bene che nel male. Le stesse persone che nella puntata di oggi non hanno fatto altro che criticarmi. Il mio trono è stato definito il trono dei dubbi? Beh sì, io sono uscita da là dentro che sono venuta a sapere tante cose e ogni volta che ne parlo mi butto sul vago perché non mi interessa screditare gli altri. Io ho la mia vita e vado avanti per quella. Però questo accanirsi contro la mia persona a che pro? Capisco che magari vogliono spronare la strada a qualcun’altro, cercando di farlo apparire in modo diverso in previsione di un futuro trono, ma il buon senso m’insegna a non buttare giù gli altri per farmi strada o ancor peggio per far fare strada a qualcuno. Io faccio parte della stessa agenzia di Emanuele….mi è stato detto che la redazione già sapeva che Emanuele era stato portato in trasmissione dalla nostra agenzia, perché a me non è stato detto nonostante io l’abbia chiesto? E adesso mi criticano? Non si fa così…”.