Gossip News » Primo Piano » Sylvie Lubamba arrestata per furto

Sylvie Lubamba arrestata per furto

Sylvie Lubamba arrestata, questo è l’ultimo capitolo dell’incredibile vicenda che ha portato l’ex valletta di Piero Chiambretti in manette.

SYLVIE LUBAMBA ARRESTATA: USO ILLEGITTIMO DELLE CARTE DI CREDITO

Sylvie Lubamba arrestata Sylvie Lubamba arrestata, ecco che la showgirl fiorentina di origine congolese, che in passato ha partecipato anche al noto programma tv Markette di Piero Chiambretti, è finita in manette con un’accusa che certamente non appare leggera.

Sylvie Lubamba, che in passato ha sconfessato la storia con Anthony Manfredonia, infatti è stata arrestata dalla polizia di Roma con l’accusa di truffa e indebito di carte di credito.

A quanto pare la losca vicenda che ha fatto finire dietro le sbarre la soubrette maggiorata risale ai tempi in cui Sylvie Lubamba lavorava come escort e, grazie alla sua grande astuzia, riusciva a derubare i suoi clienti delle loro preziose carte di credito con cui poi pagare alberghi e spendere per l’acquisto di oggetti di lusso.

Una volta emesso l’ordine di carcerazione, scattato il 1 agosto, non è stato però molto facile rintracciare Sylvie Lubamba che ora risiede a Milano, ma si trova spesso a spasso per l’Italia.

La donna quindi non era reperibile e per riuscire ad arrestarla gli inquirenti milanesi hanno contattato gli uffici della polizia di Roma che hanno invitato la showgirl a presentarsi in questura per integrare una denuncia per furto dei bagagli che la stessa Sylvie Lubamba aveva sporto poco tempo prima.

Non appena arrivata Sylvie Lumbamba, caduta nella trappola tesa dalle forze dell’ordine italiane, è stata puntualmente arrestata e condotta nel carcere di Regina Coeli.

Sylvie Lubamba arrestata ora però rischia grosso. La condanna per tutti i suoi innumerevoli reati ammonta infatti a 3 anni e 9 mesi per accumulo di pene.

Tempi veramente grigi dunque per la showgirl, che forse avrebbe dovuto pensarci due volte prima di cadere nella tentazione del furto, perché prima o poi la giustizia arriva.

Persino in Italia.