Gossip News » Primo Piano » Catena Fiorello contro i fratelli più famosi, “Sono dei maschilisti”

Catena Fiorello contro i fratelli più famosi, “Sono dei maschilisti”

Catena Fiorello, scrittrice, autrice televisiva e conduttrice, sorella dei più famosi Rosario e Beppe, ha annunciato di voler lasciare la Tv

catena fiorelloCatena Fiorello “Non comparirò più sul piccolo schermo, sparisco come Mina”

Catena Fiorello, sorella dello showman Rosario, che proprio nei giorni scorsi si è scagliato contro coloro che vorrebbero vedere il suo versamento a favore della Sla, e dell’attore Beppe, in un’intervista rilasciata al settimanale Diva E Donna si è sfogata contro il mondo della Tv dicendoBasta, ho chiuso con la Tv. Sparisco come Mina. Non c’entra il singolo programma, in cui magari mi hanno trattata benissimo. Sono io che mi sento ridicola. Che ci vado a fare in tv se mi sento pupazza lì sotto i riflettori? Venderò meno libri? Ok. Pazienza. Te lo possono raccontare il mio fidanzato o mia madre quanto mi è costato questo libro e quanto sangue ho versato”.

Il settimanale di gossip Diva e Donna ha voluto vederci chiaro in questa storia dopo aver letto un post pubblicato da Catena Fiorello in un social network. In quell’occasione la scrittrice diceva “Oggi è una data importante per me. Mi sono convinta a dire addio a comparsate televisive che mi rendevano infelice. Ciao tv, ci rivedremo ma solo di tanto in tanto”.

Nell’intervista Catena Fiorello, poi, specifica quanto da lei scritto dichiarando “Andrò dove non ci sono magheggi. A girare nei salotti letterari e negli studi televisivi sono sempre gli stessi. Qual è il presentatore che ha il coraggio di invitare chi non è amico dei salotti che contano? Frequentando gli studi televisivi ti rendi conto del marcio, tutti che si odiano, la competizione”.

Riguardo, poi, al cognome che porta e a quanto possa essere ingombrante essere chiamata “sorella d’arte”, Catena Fiorello, con un po’ di amaro in bocca, confessaMi sento una che ha dovuto pagare per questo cognome che porto. Per qualche mente ottusa che mi ha giudicata in contumacia. I miei fratelli sanno che mi è costato sputare il sangue essere la loro sorella, perché questa è una società maschilista. Fatemi capire qual è la differenza tra Beppe Fiorello e Catena Fiorello? Me ne devo stare a casa, chiusa, perché devo lasciare lo spazio tutto a loro… ma io me ne sbatto”.

Tanto per “essere buona”, poi, Catena Fiorello spende parole poco carine proprio nei confronti dei suoi fratelli, Rosario e Beppe, dicendoMagari c’è della cattiveria pregiudiziale anche da parte dei miei fratelli. Magari non se ne rendono conto. Un po’ maschilisti lo sono, inconsciamente. Secondo me, se mio fratello Rosario deve spendere una parola per Beppe, lo fa con meno disturbo. Dei miei fratelli non parlo perché so che si disturbano. Dicono che parlo troppo di loro nelle mie interviste. So che s’infastidiscono. Un giorno mi fa Beppe: ‘Tu parli troppo di noi quando presenti i tuoi libri’. Beppe è quello che si disturba di più. Rosario un po’ meno. Lo massacro anche in casa Beppe. Ma, secondo me, non è lui. Sono i suoi suggeritori”.

(Fonte: blogosfere.it)