Gossip News » Primo Piano » George Clooney e Amal Alamuddin sono marito e moglie: le foto delle nozze

George Clooney e Amal Alamuddin sono marito e moglie: le foto delle nozze

Il grande giorno è finalmente arrivato. Dopo le nozze di Elisabetta Canalis, anche il suo ex fidanzato, George Clooney, sa sempre protagonista assoluto del gossip internazionale ha detto sì spazzando via per sempre i sogni delle donne di tutte il mondo. Da oggi, infatti, George Clooney è un uomo sposato. Nella splendida cornice di Venezia, infatti, George Clooney e la bellissima Amal George Clooney e Amal Alamuddin sono diventati marito e moglie giurandosi amore eterno.

george clooney

Getty Images

GEORGE CLOONEY E AMAL ALAMUDDIN SONO MARITO E MOGLIE

George Clloney e Ama Alamuddin hanno detto sì nel corso di una cerimonia blindata e molto romantica nell’elegante hotel Aman che affaccia sul Canal Grande di Venezia. L’attore e l’avvocatessa libanese hanno coronato il loro sogno d’amore davanti a circa 200 invitati tra amici e parenti.

Lo sposo, elegantissimo e sorridente come non mai e tutti gli invitati sono arrivati a Palazzo Papadopoli, l’edificio che ospita l’hotel, a bordo di 14 imbarcazioni contrassegnate da una bandierina con le iniziali degli sposi, ossia AG.

Tutti gli invitati e lo sposo hanno dato il via ad un vero e corteo nuziale in cui era presenti tra gli altri anche Matt Damon, Bono Vox e Cindy Crawfford.

George Clooney è arrivato per ultimo a bordo di un’imbarcazione scoperta con i genitori, sorridente più che mai. Nessuna immagine, invece, della sposa. I fotografi, infatti, in un’atmosfera blindata, sono riusciti a immortalare solo lo sposo e gli invitati.

Dopo la cerimonia, ci sarà il banchetto nuziale, preparato dallo chef italiano, Riccardo De Pra. I festeggiamenti, poi, proseguiranno per tutta la notte.

Anche l’uomo più allergico al matrimonio, di fronte alla bellezza della bella Amal, è capitolato. George Clooney, per anni lo scapolo d’oro di Hollywood, è ormai un uomo sposato. E dopo il sì, ora si aspetta solo l’erede. Arriverà presto o ci sarà da aspettare ancora?