Gossip News » Primo Piano » Clooney e Amal: ecco il conto del “SI” in laguna, spesa l’esorbitante cifra di…

Clooney e Amal: ecco il conto del “SI” in laguna, spesa l’esorbitante cifra di…

Terminata la festa in quel di Venezia per le nozze dell’anno, già senza aspettare i 50 anni di matrimonio si può parlare di nozze d’oro, almeno considerando i numeri esorbitanti del conto pagato per la cerimonia ed i party in laguna. A dare la notizia ed i dettagli sui dollari sborsati dai neo sposi Clooney e Amal è stato il Daily News. Secondo quanto scritto si tratta dell’astronomica cifra di 13 milioni di dollari.

CLOONEY E AMAL: PER IL “SI” IN LAGUNA, SPESI 13 MILIONI DI DOLLARI

CLOONEY E AMAL

Secondo una famosa wedding planner americana sarebbe infatti questo l’importo speso per l’avvenimento, 13 milioni dei dollari che corrisponderebbero a circa 10 milioni e 300mila euro. Ecco i conti in “tasca” fatti dalla specialista di matrimoni chiamata a stilare la stima:

500 mila dollari per il trasporto di tutti gli ospiti, quello aereo più il noleggio dei motoscafi; 180 mila dollari per l’alloggio, l’albergo Aman Canal Grande Venice, un hotel a 7 stelle; un altro mezzo milione di dollari per 400 bodyguard, impegnate 24h su 24 nei giorni delle celebrazioni;  30 mila dollari i soldi spesi solo per le bevande arrivate direttamente dalla California; 100 mila dollari per il menu nuziale a base di aragoste, polenta e funghi… ben oltre i 700 dollari ad ospite; poi ovviamente la location del “Si”, 800 mila dollari solo per officiare le nozze al Comune di Venezia.

Una piccola “chicca” che chiude il conto con dovizia di particolari: ad ogni ospite è stato omaggiato un Ipod in cui è stata caricata una playlist di musica scelta direttamente dagli sposi.

Come era stato anticipato dal nostro gossip “prematrimoniale” pare che a saldare sia stato il suocero di Clooney, il papà di Amal, il magnate libanese Ramzi Alamuddin.  Secondo quanto rivelato, sarebbe stato lui a firmare gli assegni per gli hotel, le feste di addio al celibato ed al nubilato… e qualche altra “piccolezza”.