Gossip News » Primo Piano » X Factor 8: giudice poco sicuro chiede un auricolare per il live

X Factor 8: giudice poco sicuro chiede un auricolare per il live

X Factor 8 ci aspetta con il suo primo live questa sera su Sky Uno. Tutto pronto? Certo! Tutti pronti? Non proprio.

Pare infatti che uno dei quattro giudici, anche se ufficialmente il nome non è noto, abbia richiesto alla produzione un auricolare a disposizione che lo tenesse costantemente in contatto con il suo autore durante il live, per ricevere suggerimenti, indicazioni e battute.

Di chi si tratta?

Proviamo a pensarci. Partiamo da Morgan. Possibile che il cantante, vincitore di tante edizioni di X Factor e appassionato di storia della musica abbia lacune tali da richiedere un aiutino per evitare silenzi imbarazzanti? Morgan? Naaa.

E Mika? Potrebbe essere. Il cantante potrebbe aver richiesto un aiutino non tanto per mancanza di idee ma piuttosto a causa delle carenze linguistiche, trattandosi dell’unico giudice straniero. Ma è anche vero che proprio le divertenti gaffe di Mika sono tra gli elementi comici più apprezzati del programma, e lo stesso cantante ha sempre dimostrato una buona dose di autoironia.

Passiamo a Victoria. Lei è una delle new entry di questa edizione di X Factor (a proposito, avete letto della frecciatina della Cabello a Simona Ventura?) ed è l’unica non-cantante tra i giudici, che abbia bisogno del suo autore per potersi esprimere su argomenti musicali e non sfigurare, in mezzo a cotanti esperti? Può darsi. Ma è anche vero che Victoria è un’eccelsa conduttrice, con la battuta sempre pronta e una parlantina invidiabile che non sembra (solo) merito di un autore. Possibile che abbia bisogno di suggerimenti?

E finiamo con Fedez. La cultura musicale certo non gli manca, e il rapper ha anche dimostrato di saper parlare davvero molto bene. Però è forse il più emotivo tra i giudici e sicuramente quello meno abituato a stare sotto i riflettori. Che sia lui il giudice di X Factor bisognoso di “aiutino da casa” come direbbe Gerry Scotti?

A voi l’ardua sentenza!