Gossip News » Attualità » TripAdvisor: scrivono recensione negativa, l’albergo per vendetta…

TripAdvisor: scrivono recensione negativa, l’albergo per vendetta…

TripAdvisor è uno strumento davvero utile, un’idea geniale che purtroppo ha dovuto cozzare contro la “furbizia” di diversi utilizzatori che l’hanno reso un mezzo di ricatto. Non è raro che ristoratori o albergatori vi raccontino storie di clienti che chiedono sconti in cambio di recensioni positive su TripAdvisor. E non è raro nemmeno che si sentano storie di recensioni negative finte scritte apposta dalla concorrenza per abbassare il voto finale di un albergo o ristorante.

Ma una storia come quella accaduta a questi due turisti non si era mai sentita. Questa volta, infatti, le vittime sono stati proprio i recensori!

Puniti per una recensione negativa su TripAdvisor

Tony Jenkinson (63 anni) e la moglie Jan (64 anni) sono stati ospiti del Broadway Hotel a Blackpool. I due turisti non hanno particolarmente apprezzato l’albergo e una volta a casa l’hanno descritto su TripAdvisor come “uno sporco, fetido, marcio tugurio puzzolente“.

La coppia si era ritrovata ad alloggiare in una camera molto umida, con la carta da parati scollata in diversi punti, moquette sporca e non perfettamente aderente al pavimento e addirittura un paio di calzini sporchi in un cassetto, appartenenti a qualche precedente ospite della struttura. “Questo posto dovrebbe essere chiuso, non so se abbia mai ricevuto un’ispezione, ma, se così, non riesco proprio a capire come l’abbia potuta superare. Statene alla larga” hanno scritto, come da loro diritto, i due turisti aggiungendo la 225esima recensione alla pagina TripAdvisor del Broadway Hotel (già ricca di opinioni negative).

Qualche giorno dopo, però, Tony e Jan si sono ritrovati sul conto corrente un addebito di 100 sterline (circa 125 euro) e hanno scoperto che una piccola clausola contrattuale del Broadway Hotel prevedeva che agli ospiti fosse vietato recensire negativamente online la struttura, pena una multa di un massimo di 100 sterline. I coniugi Jenkinson si sono rivolti al al consiglio comunale che ha assicurato giustizia. Tim Coglan, capo del Trading Standards di Blackpool, è riuscito a far eliminare la clausola dal contratto del Broadway Hotel, lasciando finalmente liberi i suoi ospiti di mostrare alla rete le foto di calzini sporchi nei cassetti.

Le 100 sterline sono state restituite ai Jenkinson, certo, ma considerando l’alto numero di recensioni negative della struttura pare che il Broadway Hotel abbia già raccolto un bel gruzzoletto a forza di multe da 100 sterline. Usarli per dare una sistemata alle camere no eh?