Gossip News » Primo Piano » Mango: dopo la morte di Pino e Giovanni, malore per altri due fratelli

Mango: dopo la morte di Pino e Giovanni, malore per altri due fratelli

La famiglia Mango è sotto shock. Dopo la morte di Pino Mango e del fratello maggiore, secondo quanto scrive il quotidiano della Basilicata, altri due fratelli, Michele e Armando compositore di alcune delle canzoni più famose  del cantante hanno avuto un malore. Michele e Armando Mango, stando a quanto si legge sul Quotidiano della Basilicata, si erano recati in ospedale per far visita a Pino Mango, ignorando che fosse già morto. Dopo aver appreso la tragica notizia, si sono sentiti male e sono stati ricoverati entrambi.

mango1MANGO: ALTRI DUE FRATELLI SI SENTONO MALE

La morte di Pino Mango, scomparso nella notte fra domenica scorsa e lunedì, sul palco del «Pala Ercole» di Policoro (Matera) e quella di Giovanni, morto ieri mentre rendeva omaggio alla salma del fratello, ha commosso tutti. Oggi una Lagonegro in lutto cittadino parteciperà compatta ai funerali di Mango che si terranno nella chiesa principale della città.

E sulla morte di due fratelli a poche ore l’una dall’altra, si è espresso il mondo della medicina. «Una forte emozione, come la morte di un fratello, mette alla prova il cuore al punto che in alcuni casi si parla proprio di sindrome del crepacuore», spiega Antonio Rebuzzi, docente di Cardiologia dell’università Cattolica di Roma.

«La sindrome del crepacuore colpisce soprattutto le donne, assomiglia molto ad un infarto anche se i sintomi sono meno forti – spiega l’esperto – inoltre non è infrequente che un’emozione forte come un lutto scateni qualche patologia cardiaca, come un infarto o un’aritmia maligna».

Nel caso dei due fratelli Mango, ci possono essere diverse spiegazioni: «Potrebbe esserci una malattia cardiaca familiare, che quindi avevano entrambi oppure i due fratelli condividevano gli stessifattori di rischio, dallo stile di vita al diabete. In entrambi i casi la produzione di adrenalina che si ha quando c’è una forte emozione potrebbe aver fatto da detonatore per l’evento che ha portato alla morte».