Gossip News » Primo Piano » Obesity Factor: arriva il primo reality sull’obesità

Obesity Factor: arriva il primo reality sull’obesità

Si chiama Obesity Factor ed è il primo reality in cui non si cercano cantanti, ballerini o showman ma si cerca di aiutare i partecipanti a tornare a vivere distruggendo il grasso che, spesso, è un ostacolo sia nel fisico ma anche nella mente. Obesity Factor, dunque, ha come obiettivo quello di aiutare le persone in sovrappeso partendo dalla convinzione che il grasso non si combatte solo con una dieta equilibrata ma anche con l’aiuto psicologico.

obesity factorOBESITY FACTOR: IL PRIMO REALITY SULL’OBESITA’

La persona obesa presenta anche altri disturbi che spesso si sottovalutano o vengono accantonati per dare priorità alla alimentazione: disturbi psicologici, disturbi motori, disturbi di salute, relazionali, sociali ed estetici, ma anche di attenzione e rendimento sul lavoro e nella vita”, si legge nella descrizione del programma.

I casting sono cominciati oggi al Centro Commerciale Roma Est. Il programma è stato ideato dall’esperta agro-alimentare Federica Dogana e dalla dietista Monica Germani. Ad aiutare i partecipanti ci sarà un’equipe di professionisti “riuniti insieme in un vero e proprio palazzo a tre piani, che sarà il confessionale, il pentitorium, il luogo di gioie e dolori dei protagonisti… ma sarà anche e soprattutto la casa della loro salvezza”.

Il reality sarà composto da quindici puntate che, come premio, avrà quello di essere tornato in possesso della propria vita prendendosi una rivincita su chi l’ha preso in giro per diverso tempo.

All’AdnKronos Salute proprio la Germani ha dichiarato che “Il nostro obiettivo è quello di scegliere, tramite selezioni aperte al pubblico, quattro concorrenti, che presentino le caratteristiche stabilite da un team di professionisti e che si prestino a seguire un percorso dimagrante che avrà come risultato finale non solo la cura della persona, ma offrirà anche la possibilità di ottenere la ‘rivincita’ della loro vita. Metterò a punto programmi personalizzati per ognuno di loro: è indispensabile sfatare miti e mode alimentari, promuovere una corretta alimentazione sfruttando quanto di buono ci sia nella tradizione culinaria italiana”.