Gossip News » Primo Piano » Giovanni Veronesi si scusa con Clio Make up: ecco le parole del regista

Giovanni Veronesi si scusa con Clio Make up: ecco le parole del regista

Nei giorni scorsi, il regista Giovanni Veronesi, durante la puntata del suo programma radiofonico su Rai Radio 2 “Non è un paese per giovani”, aveva insultato Clio Make Up definendola una “cicciona”. A distanza di ore, Giovanni Veronesi si è scusato pubblicamente.

giovanni veronesi clio make upGIOVANNI VERONESI SI SCUSA CON CLIO MAKE UP

Nella giornata di ieri, le fans di Clio Make Up aveva invitato Giovanni Veronesi a scusarsi su Twitter, dove il regista è molto attivo. Clio Make Up, però, non le aveva accettate preferendo bloccarlo. La famosa make up artist, del resto, aveva espresso tutto il suo disappunto su Facebook: “Ma davvero, su una emittente radiofonica nazionale del livello di Radio2 in un programma popolare che parla di giovani, mi devo sentire citata solo per essere catalogata come, quoto, “cicciona”? Davvero è il modo migliore per utilizzare uno spazio di comunicazione pubblico che, in teoria, potrebbe ispirare, aprire le menti dei ragazzi che lo ascoltano? Invece no… facciamo come i conduttori, facciamoci due risate vuote, giusto per riempire il silenzio incombente, insultando una persona che neanche si conosce e dalla cui storia, forse, si potrebbe imparare qualcosa… Colgo l’occasione per consigliare al conduttore di uscire qualche volta dallo studio di registrazione e di aggiornarsi su una cosa che si chiama “Internet” che molte persone hanno iniziato ad usare da qualche anno… magari la prossima volta non gli scapperà una uscita così infelice…”.

E così, oggi, nel corso del suo programma, Giovanni Veronesi si è scusato pubblicamente: “Oggi apro la trasmissione da solo perché voglio fare le mie scuse a Clio e a tutte le donne che si sono sentite offese. Io con le parole ci lavoro e invece stavolta sono stato tradito da me stesso, mai e poi mai avrei detto quelle parole con intenzionalità e con cattiveria. Chi mi conosce sa che non sono un bullo o un macista. Io pure da piccolo ero cicciottello e lo sono pure adesso. Mi rivolgo direttamente a te, le mie scuse sono rivolte direttamente a te senza social di mezzo. Facciamo una cosa appena torni in Italia ti invito in studio e per farti le mie scuse di persona e magari farmi truccare da te e diffondere il filmato in rete in modo da ridicolizzarmi a colpi di mascara e rossetto”.