Gossip News » Primo Piano » Andrea Cerioli furioso con i fans: “Insultano mia madre per colpire me e Valentina”

Andrea Cerioli furioso con i fans: “Insultano mia madre per colpire me e Valentina”

Il percorso di Andrea Cerioli a Uomini e Donne è finito nel peggiore dei modi. L’ex concorrente del Grande Fratello, dopo aver lasciato il trono di Uomini e Donne senza scegliere, ha sollevato numerose polemiche iniziando una storia con la sua ex corteggiatrice, Valentina Rapisarda. Una decisione che non è affatto piaciuta ai fans di Andrea Cerioli che hanno cominciato ad insultarlo sul web.

andrea cerioli e valentina rapisardaANDREA CERIOLI FURIOSO CON I FANS

Andrea Cerioli è così intervenuto in prima persona su Facebook per esprimere il suo disprezzo verso chi lo sta criticando duramente solo per aver dato ascolto al suo cuore dando una possibilità a Valentina Rapisarda.

Inevitabile dire che sono stanco di leggere tutto questo. Non sono stanco di leggere insulti alla mia persona perché onestamente la cosa non mi tocca. […]. Sono qui solo per scrivere che non accetto di leggere insulti a mia sorella, che inevitabilmente è stata vestita di storie paradossali per cercare di dare un senso a tutto quello che Andrea Cerioli ha deciso di fare. […]Posso capire le ragazze di 14 anni che dispiaciute mi scrivono: “Mi hai deluso, mi dispiace” ma la goccia che ha fatto traboccare il vaso è dover vedere citare mia mamma  in questa storia. Commenti di madri di famiglie, persone adulte… Persone adulte con famiglia e figli che scrivono insulti pieni di un tale odio e cattiveria da portarmi qui a scrivere. Stop, davvero. Negli ultimi 25 anni della mia vita non ho mai dovuto abbassare la testa davanti a qualcuno o qualcosa perché qualsiasi sia stata una mia scelta è sempre stata fatta con il cuore e nessuno potrà mai metterlo in dubbio a me stesso.  Vi auguro a tutti di trovare la vostra serenità che è la stessa che sto cercando di trovare anch’io”.

Andrea Cerioli appare stanco della situazione. E’ disposto ad accettare critiche e insulti ma non a tollerare ancora che si parli di gente che non ha colpe.