Gossip News » Attualità » Strage reality francese, non era la prima volta: altri 2 morti nel 2013

Strage reality francese, non era la prima volta: altri 2 morti nel 2013

Dr-Thierry-Costa-has-killed-himself-in-Cambodia-after-contestant-Koh-Lanta-contestant-Gerald-Babin-diedCosa c’è di peggio che avere sulla coscienza 10 morti? Semplice: averne 12.

Si è molto parlato ieri dell’incidente tra due elicotteri che ha ucciso 10 persone nella versione francese dell’Isola dei Famosi, Dropped. Ma non è la prima volta che questo reality show particolarmente estremo ha causato la morte di un membro del cast o della troupe.

Già nel 2013, la casa di produzione del programma, la Adventure Line Productions, fu protagonista di una bufera legale e mediatica.

La morte di Gerald Babin

Il reality in questione si chiamava “Koh-Lanta”. Durante la prima giornata di riprese, un concorrente di 25 anni, Gerald Babin, morì tragicamente a causa di una prova nell’isola di Koh Rong, a largo di Sihanoukville, Cambogia.

Babin si trovava in acqua quando ebbe un arresto cardiaco. Prontamente recuperato, fu trasportato (ufficialmente in elicottero, secondo una fonte anonima del programma tv “Arrêt sur images” in motoscafo, per risparmiare) all’ospedale di Sihanoukville. Un secondo arresto cardiaco lo colse durante il viaggio e il terzo, in ospedale, gli fu fatale.

Il suicidio di Thierry Costa

I media francesi si scagliarono duramente contro la casa di produzione e nello specifico contro il medico della troupe, Thierry Costa, accusato di non aver soccorso adeguatamente il concorrente. Poco dopo, Costa si suicidò lasciando il seguente biglietto d’addio:

Sono certo di aver curato Gerald in maniera rispettosa, come un paziente e non come un concorrente. Anche se mi dispiace di questa  triste fine, io ho agito seguendo il giuramento di Ippocrate e circondato da veri professionisti. Gli auguro di riposare in pace. Io mi addormento sereno stasera senza nessun rancore, neanche contro i media. Pensare di dover ricostruire la reputazione distrutta mi sarebbe insopportabile. Questa è la mia unica scelta possibile“.

FRANCE-MEDIAS-TELEVISION-CAMBODIA