Gossip News » Primo Piano » Uomini e Donne, Aldo Bergamaschi: “Ho rifiutato il trono. Veronica Maya? Dovrebbe essere meno ambiziosa”

Uomini e Donne, Aldo Bergamaschi: “Ho rifiutato il trono. Veronica Maya? Dovrebbe essere meno ambiziosa”

Aldo Bergamaschi è stato uno dei primi corteggiatori di Uomini e Donne. Insieme a Costantino Vitagliano, infatti, corteggiò Lucia Pavan, la prima vera tronista della nuova versione di Uomini e Donne. Da allora sono passati tantissimi anni e oggi, Aldo Bergamaschi, è anche l’ex marito di Veronica Maya. Un matrimonio, però, che non ha lasciato un bel ricordo nella conduttrice che ha anche chiesto l’annullamento alla Sacra Rota.

uomini e donne veronica_maya_aldo_bergamaschiUOMINI E DONNE: PARLA ALDO BERGAMASCHI

Proprio del suo matrimonio, Aldo Bergamaschi ha parlato in un’intervista rilasciata al settimanale Nuovo: “Il matrimonio non è certo finito per colpa mia, che per lei avevo rinunciato al mondo dello spettacolo. Maria De Filippi, che credeva in me e ricorderò sempre come una donna straordinaria, mi aveva accolto nel suo programma come corteggiatore, per poi propormi il trono. Era un’ottima occasione, ma io l’ho rifiutata. In quel periodo, infatti, ero già innamorato di Veronica e non volevo correre il rischio di perderla proponendomi da single ad altre ragazze. Qualcuno mi diceva di mettermi d’accordo con lei e di ristare alla ribalta, ma io non me la sentivo. Avrei potuto fingermi disponibile davanti alle telecamere, ma sarebbe stata una finzione ed io, anche per rispetto a Maria, ho deciso di ritirarmi. Veronica l’ha apprezzato perché anche lei mi amava, ma nel nostro rapporto di certo sono stato io quello che ha dato di più. La assecondavo in tutto e quando mi propose di gestire il ristorante del padre a Montecarlo, accettai. Per me il matrimonio fu un passo importante: ho lasciato da parte sogni di gloria per amore. Volevo una famiglia con lei ed è un progetto che difficilmente si concilia con la carriera artistica. Per questo ho cominciato una tranquilla vita coniugale con lei, o almeno così credevo. In breve ho scoperto che la mia deliziosa moglie era molto diversa da quello che credevo. Appena le offrirono le prime occasioni nel mondo dello spettacolo, infatti, si polarizzò sulle sue ambizioni, dimenticando che io per lei avevo rinunciato alle mie. Presi atto di questa realtà con dolore e poi mi arresi all’evidenza: per Veronica ero solo un ostacolo alla realizzazione dei suoi desideri. Si dimostrò molto egoista e freddamente mi disse che avrebbe chiesto l’annullamento del matrimonio con una motivazione offensiva nei miei confronti. Davanti ai giudici, ha sostenuto di avermi sposato con la riserva mentale di potermi lasciare violando il principio dell’indissolubilità del matrimonio. Come a dire che si era sposata con me per scherzo, come un marito usa e getta. Per me fu un colpo durissimo. Attualmente ci parliamo solo attraverso i nostri avvocati. E’ vero, il matrimonio è stato annullato, però ci rimane una causa civile in cui sono in ballo i nostri interessi matrimoniali. Spero tutto si concluda al più presto, per chiudere definitivamente questa storia“.

Quando gli si chiede cosa prova nel vederla con una nuova famiglia, quella formata con il chirurgo plastico Marco Moraci, Aldo risponde: “Nonostante tutto, le auguro di essere felice. Ma le do anche un consiglio: se vuole che la sua famiglia regga, ridimensioni  l’importanza del lavoro perché nessun marito può accettare di essere in secondo piano rispetto alle ambizioni della moglie. Vedo che in questo periodo è lontana dalla tv italiana e forse questo periodo le servirà a riscoprire quei valori dimenticati durante la nostra la nostra convivenza“.

E lui? Si è rifatto una vita? “Le amicizie femminili non mi mancano, ma prima di imbarcarmi in un legame serio, voglio pensarci molto bene. La storia con Veronica mi ha fatto maturare, rendendomi un uomo migliore. Se incontrassi un’altra donna con la sua mentalità, saprei riconoscerla e mi guarderei bene dallo sposarla! Mi è servito ad apprezzare l’importanza dell’amore vero, che un giorno, ne sono certo, arriverà anche per me!“.