Gossip News » Attualità » La bufala del torinese che abbandona il cane e muore in un incidente

La bufala del torinese che abbandona il cane e muore in un incidente

Stava percorrendo l’autostrada A4, quando si è accostato sulla corsia d’emergenza per legare il proprio compagno animale al guard rail e abbandonarlo al suo destino, Aldo G. 37enne Torinese, è poi risalito in macchina ed è ripartito“.

Comincia così una notizia pubblicata su Corrieredelpiemonte.altervista.org e condivisa sui social network che racconta una vicenda decisamente… curiosa. L’articolo prosegue così:

“Le immagini, riprese dalle telecamere dell’Anas, hanno immortalato tutta l’operazione nella quale si vede l’uomo che rapidamente esce dall’automobile, trascina il cane con forza e dopo averlo legato risale in macchina senza voltarsi. Poi, la tragedia: risalito in macchina, circa trecento metri dopo il luogo dell’abbandono, a causa dell’alta velocità e del manto stradale probabilmente non dei migliori, ha perso il controllo della sua automobile uscendo dalla carreggiata e ribaltandosi diverse volte dopo aver urtato il guard rail. Quando i soccorsi sono arrivati sul luogo dell’incidente non c’era più nulla da fare, se non estrarre il corpo dell’uomo esanime dalle lamiere dell’auto”.

Una notizia decisamente scioccante, che farebbe gola a qualsiasi testata o TG. Eppure in rete non viene ripresa da nessun quotidiano o agenzia di stampa. Trattasi insomma di una bufala bella e buona, come conferma bufale.net:

Nonostante la gravità dell’incidente, perlopiù in periodo di partenze intelligenti, avrebbe dovuto condurre l’apologo educativo sulla stampa nazionale e sui maggiori telegiornali, nessuno ne ha parlato, né si registrano interruzioni sul tratto di strada indicato. La foto inoltre appartiene ad una notizia diversa, risalente al maggio dell’anno scorso, e relativa all’incidente occorso ad una famiglia di turisti brasiliani.

Insomma, prima di condividere una notizia sulla vostra bacheca sprecate due minuti a fare una ricerca su Google. Soprattutto se la vicenda narrata suona così curiosa…