Gossip News » Primo Piano » Sara Tommasi: “Basta porno e foto nuda, mi aggrappo a Dio”

Sara Tommasi: “Basta porno e foto nuda, mi aggrappo a Dio”

Fino a poche settimane fa, si parlava di matrimonio tra Sara Tommasi e Andrea Diprè e addirittura di un figlio in arrivo. Di figli neanche l’ombra, e il dubbio che anche le nozze fossero una scusa per attirare l’attenzione sorge spontaneo, conoscendo i soggetti.

Intanto, però, ecco arrivare un improvviso dietrofront da parte della Tommasi, che ha deciso di riprovare con la fede.

Non è solo un momento e non mi aggrappo a Dio solo per necessità – ha raccontato la showgirl al settimanale Nuovo – Io sono una persona molto credente, vado tutte le domeniche in chiesa e ci tengo a fare la comunione. Ho i miei angeli che mi proteggono: credo che qualcuno o qualcosa esista e ci protegga. In fondo, ne ho passate tante, se sono qui ci sarà un perché“.

Come spesso succede, Sara ha ritrovato Dio grazie a un improvviso dolore che l’ha costretta a guardarsi indietro e a guardare avanti: “Non voglio rivangare il passato ma guardare avanti. Di sicuro il dolore per la morte di mia nonna Angelina è una ferita ancora aperta. La adoravo e so che è lassù che mi protegge, mi guida e mi parla. Ho sofferto molto quando l’ho persa, ma non è stato l’unico dolore. La vita mi ha tolto anche mia zia e mia cugina ed è per loro che ora voglio tornare a vivere al massimo. Prego per me e per chi mi vuole bene. Ho tanti amici e tante persone che mi amano per quella che sono. Sara è quella che vedete, senza maschere, senza filtri. Sara è quella che dorme poco e “morde” la vita“.

Intanto Sara pensa al futuro: “Adesso per me comincia un nuovo corso fatto di tante novità. Ho lavorato al cinema, nel porno, è vero, ma si tratta sempre di grande schermo. Quel film, oggi, è un cult. Quindi voglio sfruttare la notorietà che mi ha dato per lavorare sulla mia carriera. Ho moltissimi progetti sui quali sto ragionando. Sto pensando a una sit-com e ad un film. E poi ho un sogno: rifare una trasmissione sportiva, come quando facevo la Schedina a Quelli che il calcio. Ci sto lavorando, ci riuscirò“.